Pizza cotta male o bruciata, quando è meglio lasciarla nel piatto

Mangiare una pizza cotta male o bruciata non solo rovina l'appetito ma può fare anche molto male alla salute. Attenzione se ve la servono così.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Cosa c’è di meglio di una bella pizza magari nel weekend? Cosa c’è di peggio invece di una pizza cotta male o magari bruciata? In questi ultimi due casi non solo rimarremo delusi perché la nostra fame non è stata appagata ma rischieremo anche di avere problemi di salute. Che cosa succede infatti a chi mangia la pizza cotta male?

Davvero difficile rinunciare alla pizza. Da soli o ancora meglio in compagnia, si tratta di un cibo veloce (se non siamo noi a prepararlo) e sempre molto gustoso. Tante, infinite le varianti e gli ingredienti che possono arricchirla, ma bisogna che sia preparata con cura.

LEGGI ANCHE >> COSA RISCHI SE MANGI L’IMPASTO CRUDO DI PASTA O PIZZA

Questione di cottura

Nel consumare questo piatto infatti possono sorgere alcuni problemi relativi alla cottura. E una pizza cotta male o bruciata non fa bene alla nostra salute.

La base della pizza è costituita da farina, acqua e lievito. Ed è su quest’ultimo ingrediente che bisogna focalizzarsi. Capita infatti che nelle pizzerie, per smaltire gli ordini più in fretta si cerchi di accelerare il lavoro riducendo i tempi di cottura degli alimenti. Come riporta il sito Puglia24news.it, però, la fretta fa solo danni.

LEGGI ANCHE >> COSA MANGIAMO: NEL PIATTO 2 PIZZE TAROCCHE SU 3

I pericoli di una pizza cotta male

Se infatti la lievitazione non è completa ecco che avremo una pizza cotta male. E che cosa può succederci? Che si percepisca una sensazione di gonfiore addominale, poiché l’impasto continua a lievitare nello stomaco. Ecco allora che possono insorgere disturbi come diarrea, nausea e insonnia.

Attenzione alla pizza bruciata

Pure una pizza bruciata è una pizza cotta male. In questo caso quel che si verifica è l’esatto opposto, e i pericoli per la nostra salute sono seri. Una buona pizza non deve presentare segni di bruciatura sul fondo o sul bordo. Nel momento in cui l’impasto brucia, nel processo di combustione si formano dei composti correlati all’aumento del rischio di sviluppo di tumori. Per questo è sempre bene, qualora ci si trovi nel piatto una pizza bruciata ai bordi, non mangiare la crosta.

Foto: Shutterstock