Le vitamine per il cuore fanno davvero bene?

Le malattie cardiovascolari sono tra le cause più frequenti di mortalità. È possibile prevenirle facendo ricorso a vitamine e integratori?
- - Ultimo aggiornamento
loading

Le vitamine per il cuore fanno bene oppure sono dannose? Le malattie cardiovascolari ogni anno fanno una vera e propria strage in termini di vittime. È normale dunque che le persone vogliano provare a scongiurare il pericolo di contrarle. Le vitamine in questo senso possono dare una mano?

Diciamo subito che a scatenare le malattie cardiache possono essere diversi fattori, come una alimentazione poco sana, il fumo, la scarsa attività fisica.

LEGGI ANCHE >> ATTENZIONE ALL’ALGA SPIRULINA, NON SOLO BENEFICI

Le vitamine per il cuore prevengono le malattie?

Come riporta il sito Sismed-it.com i ricercatori sostengono che non ci sono prove di benefici per le malattie cardiovascolari con l’assunzione di vitamine. Eccezion fatta per gli omega-3, che si trovano nei pesci e nelle alghe marine, e che aiutano il cuore. Anzi: assumere troppe vitamine può fare pure male. La vitamina D ad esempio se presa in grandi quantità può aumentare il rischio di malattie cardiovascolari.

I benefici delle vitamine

Vediamo più nel dettaglio quali sono queste vitamine per il cuore. La E e la C sono antiossidanti, si trovano in frutta e verdura e impediscono al colesterolo di arrivare all’ossidazione. Chi mangia quantità importanti di frutta e verdura ha tassi più bassi di malattie cardiache.

La vitamina E può aiutare a proteggere le cellule dai danni causati dai radicali liberi nel corpo, che possono anche portare malattie cardiache e altre condizioni pericolose. Si trova pure negli oli vegetali e di semi, nel germe di grano, nella carne e nel pesce.

La vitamina C è utile nella prevenzione delle malattie cardiache, poiché migliora la vasodilatazione. Questa è la capacità delle arterie del cuore di allargarsi quando è necessario un maggiore afflusso di sangue. Tale vitamina è presente negli agrumi, nelle fragole, nel melone, nei pomodori, nei cavoli e nelle verdure a foglia verde.

LEGGI ANCHE >> IN QUESTE SITUAZIONI ASSUMERE VITAMINE NON FA BENE

Il ruolo della vitamina D

Tra le vitamine per il cuore c’è anche la D. Studi scientifici hanno dimostrato che bassi livelli di vitamina D sono associati a una maggiore probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari e possono aumentare la pressione sanguigna.

Integratori sì o no?

Ma veniamo alla domanda iniziale. Gli integratori multivitaminici possono prevenire le malattie cardiovascolari? Ad oggi non ci sono studi clinici che legano l’assunzione di questi prodotti alla riduzione degli eventi cardiovascolari. Anzi, più che ricorrere agli integratori è bene assumere le vitamine attraverso una dieta sana, prediligendo quindi frutta, verdura e cibi integrali.

Foto: Shutterstock