Benetton apre uno store nel Metaverso

Benetton debutta nel Metaverso con uno store nel quale i clienti non compreranno capi. Ecco che cosa potranno fare
- - Ultimo aggiornamento
loading

Benetton sbarca nel Metaverso. Rivoluzione in vista per United Colors of Benetton. Il celebre marchio in occasione della Fashion Week di Milano adatta il suo negozio di Corso Vittorio Emanuele al nuovo store nel Metaverso. Questo aprirà contestualmente con lo stesso look e feel esperienziale.

LEGGI ANCHE >> COSA SONO GLI NTF E COME FUNZIONANO

Che cos’è il metaverso

Per chi ancora non lo sapesse, il termine metaverso indica una nuova generazione di realtà virtuale, in cui le nuove tecnologie renderanno l’interazione online sempre più simile a quella reale. In pochi mesi il metaverso si è affermato come la piattaforma informatica del futuro, con un potenziale incredibile dal punto di vista mediatico e creativo.

La scommessa di Benetton nel metaverso

“Abbiamo voluto capovolgere l’esperienza immersiva” spiega Massimo Renon, Amministratore Delegato di Benetton Group, “creando nel retail fisico lo stesso ecosistema emozionale che avrà il nuovo store virtuale nel metaverso che aprirà nelle prossime settimane. Chiunque entrerà nei prossimi giorni nel nostro negozio di Corso Vittorio Emanuele a Milano potrà immergersi in un incrocio tra realtà fisica e connessione digitale, il tutto in un’esplosione di creatività, colori e sonorità “.

LEGGI ANCHE >> TELEFONATE MUTE DA NUMERI SCONOSCIUTI, COSA SIGNIFICANO

Che cosa si potrà fare nello store Benetton nel metaverso

Lo store di United Colors of Benetton nel metaverso avrà un approccio nuovo. I visitatori infatti non acquisteranno capi ma parteciperanno a esperienze di gaming che consentiranno loro di accumulare QR code per effettuare acquisti nello store fisico. Una scelta che crea un ulteriore touchpoint con il consumatore nella strategia omnichannel del marchio.

“Siamo tra i primi brand a sperimentare l’omnicanalità diffusa, cioè la circolarità tra mondo fisico – metaverso – mondo fisico”, spiega Antonio Patrissi, Chief Digital Officer di Benetton Group. “L’intento è offrire un ponte dimensionale tra presente e futuro, tra reale e virtuale, passando attraverso un’esperienza di brand sempre più immersiva e soprattutto vicina al linguaggio dei giovani.”

Gli altri brand nel Metaverso

Benetton non è l’unico brand a sperimentare le potenzialità del metaverso. C’è H&M che ha aperto il suo primo negozio virtuale, così come Nike che ha assunto un manager del metaverso, Eric Redmon, il quale ha guidato il progetto Nikeland, spazio virtuale sulla piattaforma Roblox. E ancora, tra gli altri, Adidas che ha acquistato un terreno nel metaverso di The Sandbox lo scorso novembre.

Foto: Ufficio Stampa Benetton