Su Netflix arriva la pubblicità: cosa sta per cambiare

Rivoluzione in vista su Netflix e altri servizi di streaming. Che cosa devono aspettarsi gli utenti e come cambiano gli abbonamenti.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Il bello di Netflix, e di altri servizi in streaming, è che non c’è la pubblicità a interrompere la visione delle nostre serie tv preferite. Eppure presto le cose cambieranno per sempre. Gli spot verranno integrati negli abbonamenti a fronte di prezzi più economici.

LEGGI ANCHE >> NETFLIX HA AUMENTATO I PREZZI, ECCO SU QUALI ABBONAMENTI

Rivoluzione nelle piattaforme streaming

Netflix, Amazon Prime Video, Disney+: fino ad oggi gli utenti hanno sempre pagato i loro abbonamenti senza troppe lamentele. In fondo l’offerta di contenuti giustificava sempre il prezzo. E poi, appunto, non c’era traccia di spot televisivi. Eppure sono in arrivo importanti novità. I servizi in streaming, come riporta Tecnologia.libero.it, stanno per lanciare abbonamenti “economici” che prevedono gli spot pubblicitari. Negli USA questo accade già per alcune realtà, e i prossimi saranno Netflix e Disney+.

Netflix: nuovi abbonamenti con pubblicità

Per quel che riguarda Netflix non c’è ancora una data per il primo abbonamento con pubblicità. Non si sa nemmeno quanti spot saranno presenti per ogni ora di trasmissione e quanto si risparmierà rispetto agli abbonamenti attuali.

Pare, però, che il colosso dello streaming abbia deciso di accelerare e rendere disponibile l’abbonamento economico con gli spot prima di quanto prevedesse. Il motivo? Il calo di abbonati dopo anni di crescita ininterrotta.

LEGGI ANCHE >> C’E’ UNA NUOVA ICONA SU NETFLIX, A COSA SERVE

Non solo Netflix

Anche Disney+ non ha ancora rivelato i dettagli su questa nuova formula. Indiscrezioni provenienti dal Wall Street Journal, invece, riferiscono che Disney+ mostrerà un massimo di 4 minuti di pubblicità per ogni ora di trasmissione. Gli inserzionisti pubblicitari saranno accuratamente selezionati da Disney, bloccando tutti gli spot ritenuti poco affini con la filosofia dell’azienda.

Per quel che riguarda Amazon Prime Video è dal 2017 che si parla di abbonamenti gratis con pubblicità. Per ora non si sono visti, ma Prime Video è un caso diverso dagli altri servizi streaming, visto che la piattaforma è venduta come parte dell’abbonamento ad Amazon Prime.

In USA è già realtà

A prescindere da Netflix e dal resto della compagnia, come dicevamo in USA ci sono già servizi streaming che trasmettono qualche minuto di pubblicità. Hulu, ad esempio, che mostra fino a 12 spot ogni ora. HBO Max fino a 4 minuti ogni ora e 5 per Peacock.

Foto: Shutterstock