Super microchirurgia, il robot Musa entra per la prima volta in sala operatoria

La prima fase di sperimentazione è avvenuto su un piccolo gruppo di donne. Le pazienti avevano problemi ai vasi linfatici a causa di un tumore al seno. Ecco come è andata
-
Super microchirurgia, il robot Musa entra per la prima volta in sala operatoria

Arriva in sala operatoria Musa, il primo robot pensato per la super microchirurgia. Il debutto è avvenuto con successo durante la prima fase di sperimentazione su un piccolo gruppo di donne. Le pazienti avevano problemi ai vasi linfatici a causa di un tumore al seno.

I risultati di questo progetto pilota sono stati pubblicati sulla rivista Nature Communications dall’Università di Maastricht in collaborazione con l’Università tecnica di Eindhoven.

Leggi anche: È italiana la trivella che perforerà la Luna: ecco come è fatta

Lo strumento è stato realizzato con l’obiettivo di migliorare l’esito degli interventi, stabilizzando i movimenti del chirurgo su scala submillimetrica.

Microchirurgia e robotica: “dita” meccaniche capaci di intervenire su strutture finissime come i vasi

Musa al servizio della microchirurgia grazie alle sue “dita” meccaniche, in grado di intervenire su strutture finissime come i vasi di 0,3 millimetri di diametro.

Per testare il robot il team ha selezionato 20 donne affette da linfedema. Di queste 8 sono state sottoposte a intervento assistito dal nuovo automa; le altre 12, invece, hanno subito l’operazione con tecnica manuale. Questo è servito ai ricercatori per valutare (e paragonare) la durata dell’intervento, la qualità delle suture effettuate tra i vasi sanguigni e linfatici. E, soprattutto, i post operatori a uno e tre mesi di distanza.

Dalle informazioni raccolte è emerso che è assolutamente fattibile completare un’operazione di super-microchirurgia grazie all’assistenza del robot, e che gli esiti evidenziano un miglioramento della qualità di vita del paziente. Si tratta di un primo passo molto incoraggiante. Anche se, a detta dei ricercatori, potremmo avere risposte più certe solo con studi clinici più approfonditi ed eseguiti su pazienti selezionati in luoghi diversi.

robot natura