È italiana la trivella che perforerà la Luna: ecco come è fatta

Lo strumento sarà fondamentale nella missione Luna-27, che l'Agenzia spaziale europea (Esa) e l'omologa russa Roscosmos prevedono di lanciare nel 2025. Tutti i dettagli
-

Una trivella italiana bucherà la Luna, in cerca di acqua e altre risorse per eventuali future missioni. Proprio così, si tratta di un prototipo made in Italy, chiamato “Prospect“, e si trova presso i laboratori della Leonardo a Nerviano, comune in provincia di Milano.

Lo strumento sarà fondamentale nella missione Luna-27, che l’Agenzia spaziale europea (Esa) e l’omologa russa Roscosmos prevedono di lanciare nel 2025.

Leggi anche: Oro e rame da vecchi pc e smartphone: Enea presenta il nuovo impianto “Romeo”

Per realizzare la trivella il gruppo Leonardo ha siglato un contratto con l’Esa da 31,5 milioni di euro. Quello che gli esperti si aspettano di trovare sulla superficie lunare è “regolite, secca o ghiacciata, con vari tipi di rocce“.

Trivella italiana sulla Luna: due motori nella punta per raccogliere due tipi di campioni

La punta della trivella che bucherà la Luna è in alluminio trattato, mentre la struttura esterna è in fibra di carbonio. Si tratta di un materiale resistente ma super leggero. Questo perché esistono dei vincoli di peso che gli strumenti che devono essere caricati a bordo devono rispettare.

Quando l’apparecchio arriverà sul terreno lunare sarà disposta in posizione verticale. Così “potrà svolgere un arco sulla superficie lunare grazie a un giunto di rotazione, in modo da prelevare i campioni in punti differenti del suolo” – hanno spiegato gli esperti.

“La configurazione della piattaforma di lancio e la profondità massima richiesta per il sondaggio del suolo lunare ci hanno permesso di progettare il sistema come un’unica punta perforatrice lunga più di un metro: in questo modo evitiamo la complessità di dover comporre i segmenti in orbita come accadeva invece nella trivella marziana della missione Exomars” – hanno aggiunto.

La trivella perforerà la luna grazie a un motore di traslazione e uno di rotazione. L’azione combinata di entrambi darà la spinta necessaria per bucare il terreno. Con una potenza inferiore ai 100 Watt compirà 60 giri al minuto, procedendo fino a un massimo di 5 centimetri al minuto.

“Nella punta abbiamo altri due motori per raccogliere due tipi di campioni: il primo raccoglierà fino a 5 centimetri cubi di materiale polverizzato da consegnare al braccio robotico russo, che lo porterà agli strumenti scientifici deputati ad analisi spettrali, di massa e composizione. Per la parte europea, invece, c’è un piccolo tubicino che raccoglie pochi millimetri cubi di materiale da portare in un imbuto, chiamato carosello. Questo è dotato di fornetti che scalderanno i campioni di suolo lunare: il gas emesso sarà convogliato allo strumento scientifico europeo, che dovrà verificare la presenza di acqua e altre sostanze inorganiche utili” – hanno concluso.

plastica in acqua
Facebook Comments