WhatsApp & Co.: ecco come come l’FBI può accedere a chat e dati

Il magazine ‘Rolling Stone’ ha svelato come l’FBI ha accesso alle chat di messaggistica che i cittadini usano abitualmente.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Un documento pubblicato da ‘Rolling Stone’ e ripreso dai media di tutto il mondo spiega quanti e quali dati le forze dell’ordine possono ricavare da applicazioni come WhatsApp e simili. L’atto ‘Accesso Legale’ (titolo che la dice lunga) parla di contenuti e metadati ricavati dalle app di “messaggistica sicura”.

LEGGI ANCHE >> TI SENTI CONTROLLATO DAL CELLULARE? SCOPRI SE È COSÌ

Il testo dichiara che da novembre 2020 sia possibile per le forze pubbliche accedere alle piattaforme anche in tempo reale. WhatsApp, iMessage, WeChat, Telegram, Signal, Viber & Co., dunque, non hanno (quasi) segreti e ciascuna fornisce dati in maniera differente.

Per esempio, WhatsApp invia informazioni praticamente in real time con un ritardo di un quarto d’ora. Con una richiesta di sorveglianza, le forze dell’ordine possono avere informazioni su mittente e destinatario.

LEGGI COME >> COME NASCONDERE LE CHAT “SCOMODE”

Ma c’è di più: sempre WA insieme ad iMessage e Line sono tenuti a fornire anche l’accesso a parte dei contenuti qualora l’FBI ne faccia richiesta legale. E sempre l’FBI, con mandato di perquisizione, può ottenere la chiave di crittografia di iCloud accedendo, quindi, ai backup sulla nuvola.

Foto Shutterstock