Codice UFI, cos’è e su quali prodotti chimici possiamo trovarlo

I prodotti chimici pericolosi indicano in etichetta il codice UFI, fondamentale in caso di intossicazioni. Ecco dove si trova.
- - Ultimo aggiornamento
loading

La prima cosa da fare in caso di intossicazione dopo il contatto con una sostanza chimica è contattare il centro antiveleni o il pronto soccorso più vicino. Spesso, però può essere difficile fornire indicazioni precise soprattutto nel caso in cui abbiamo usato particolari prodotti chimici. Come fare? Controllando il codice UFI.

LEGGI ANCHE >> LA LISTA NERA DEI CIBI CONTAMINATI DA NON PORTARE IN TAVOLA

Dal 2020 molte etichette sul mercato contengono un nuovo dato, formato da una sequenza numerica di sedici caratteri. Questa serie di lettere e numeri si chiama, appunto, ‘Unique formula identifier’ ovvero UFI ed entro il 2025 sarà obbligatorio. Tutti i prodotti potenzialmente pericolosi per la salute – a maggior ragione per quella dei bambini – porteranno tale codice.

Si tratta della sequenza che identifica in maniera univoca tutte le informazioni su composizione, uso e tossicità della sostanza. Da quella stringa, quindi, in caso di intossicazione chimica possiamo dare ogni tipo di informazione utile ai soccorsi, velocizzando e rendendo più efficaci gli interventi.

LEGGI ANCHE >> DOPO I 60 ANNI VANNO SEGUITE QUESTE 5 REGOLE

Il codice, suddiviso in quattro parti separate da una lineetta, è preceduto dalla sigla UFI in modo da essere facilmente riconoscibile. In particolare, il codice UFI si trova su colle, adesivi, prodotti per la pulizia della casa, detersivi e deodoranti per ambiente. Ma anche su prodotti per il giardino, inchiostri per stampanti, pitture e miscele per le sigarette elettroniche.

Foto Shutterstock