Come lavare le fragole per eliminare tutti i residui nocivi

Amate anche dai più piccoli, le fragole sono il frutto di stagione privilegiato in tavola: ma sappiamo pulirle davvero? Ecco come eliminare parassiti e pesticidi.
-
loading

Finalmente è arrivata la stagione delle fragole, tra i frutti più amati in tavola anche dai più piccoli. Proprio per assicurarci di preparare macedonie sane è fondamentale prestare attenzione al momento del lavaggio. Lavare le nostre fragole, infatti, ci permette di eliminare ogni residuo potenzialmente nocivo della loro coltivazione. Ecco qualche consiglio per eliminare pesticidi e parassiti.

LEGGI ANCHE: PESTICIDI, QUESTI I TIPI DI FRUTTA E VERDURA PIÙ CONTAMINATA

La prima attenzione dovrebbe essere posta al momento dell’acquisto, per cui è preferibile comprare frutta biologica. È importante anche verificarne la provenienza leggendo con cura l’etichetta. Una volta che abbiamo a casa le nostre gustose fragole, prima di servirle, dobbiamo lavarle con cura. E la sola acqua non è sufficiente. Per ridurre la carica di pesticidi ed eliminare eventuali parassiti presenti, possiamo usare una soluzione di acqua e bicarbonato. Lasciamo immerse per 15 minuti le fragole in un contenitore con circa un cucchiaio di bicarbonato per litro di acqua. Quindi, basta risciacquare e poi servire. Un’altra opzione è disinfettare i frutti con aceto o vino rosso che, diluiti con due bicchieri d’acqua, puliscono al meglio da residui.

LEGGI ANCHE: NON ACQUISTARE LE FRAGOLE CHE VENGONO DALLA SPAGNA, SOPRATTUTTO IN ANTICIPO

Articolo di Paola M. Farina

Foto Shutterstock