Niente guazzetto con le teste di gambero: succhiarle può essere dannoso

Teste di gambero e altri crostacei non andrebbero mai succhiati: colpa del cadmio che, se assunto in dosi eccessive, è pericoloso.
-
loading

L’Agenzia spagnola per la sicurezza alimentare mette in guarda sull’abitudine di succhiare teste di gambero e altri crostacei. Secondo quanto emerso, infatti, proprio la testa contiene dosi di cadmio che potrebbero essere dannose. Questo metallo è presente soprattutto nella carne più scura dei crostacei di cui se ne sconsiglia l’uso anche per sughi e guazzetti.

LEGGI ANCHE: FALSI MITI SULLA CELIACHIA: CI SONO COSE FALSE DI CUI MOLTI SONO CONVINTI

L’assunzione eccessiva di questa sostanza tossica graverebbe, infatti, sull’organismo accumulandosi su fegato e reni. Da qui, i problemi connessi possono riguardare disfunzioni renali ma anche demineralizzazione ossea.  E l’esposizione prolungata potrebbe anche aumentare il rischio di cancro essendo il cadmio tra gli agenti cancerogeni di categoria 1. La dose da non superare nell’arco della settimana, per in incorrere in rischi spiacevoli per la salute, è fissata a 2,5 µg / Kg di peso corporeo.

LEGGI ANCHE: COME ACQUISTARE UNA PASSATA DI POMODORO “SICURA”: È TUTTO SULL’ETICHETTA

Articolo di Paola M. Farina

Foto Shutterstock