L’animo green di re Carlo III che forse non conoscevi

Carlo, il neo re d'Inghilterra, è sempre stato un grande amico dell'ambiente. Ecco alcune delle cose da lui fatte in questa direzione
- - Ultimo aggiornamento
loading

Inutile girarci intorno, re Carlo III (fino a pochi giorni fa noto semplicemente come Carlo d’Inghilterra) è sempre stato visto come una macchietta. L’eterno erede al trono questa volta è riuscito davvero a diventare re, e forse non tutti sanno che è sempre stato un grande amico dell’ambiente. Un re green, insomma.

LEGGI ANCHE : >> Programmi elettorali, c’è spazio per la tutela degli animali?

Carlo, da sempre amico dell’ambiente

A 21 anni Carlo tenne il suo primo discorso sulle questioni ambientali in qualità di presidente del Welsh Countryside Committee. Come riporta Greenme.it, per ridurre la sua impronta di carbonio, ha utilizzato caldaie a biomassa per il riscaldamento di Birkhall. Qui ha anche installato una turbina idroelettrica nel fiume accanto alla tenuta. Ha inoltre fatto creare un orto e una fattoria del tutto biologici nella sua tenuta di Highgrove nel Gloucestershire, nell’Inghilterra occidentale. Non solo: ha lanciato la gamma di cibi e bevande biologici Dukey Originals, commercializzata dai supermercati Waitrose.

La particolarità della sua macchina

Nel 1986, nel corso di un’intervista, rivelò di parlare con le piante. Di recente Carlo, al vertice della COP26 sul clima a Glasgow nel novembre 2021, ha esortato i politici a raddoppiare i loro sforzi nella lotta contro il riscaldamento globale. Altra curiosità davvero notevole è che la sua auto, una Aston Martin che ha più di 50 anni, è stata modificata per funzionare in modo a dir poco inusuale. Si usano infatti vino bianco inglese in eccedenza e siero di latte proveniente dal processo di produzione del formaggio. Funziona grazie a una miscela di 85% di bioetanolo e 15% di benzina senza piombo.

Riconoscimenti

Tra i tanti riconoscimenti, nel 2007 ha ricevuto il decimo Global Environmental Citizen Award dal Center for Health and the Global Environment della Harvard Medical School. Nel 2011, ha ricevuto la Royal Society for the Protection of Birds Medal per il suo impegno con l’ambiente.

Foto: Kikapress