Stati Uniti, tempesta di sabbia in Arizona: le immagini dell’haboob

Una enorme tempesta di sabbia e polvere, alta circa duemila metri e larga più o meno 80 chilometri, si è verificata in Arizona
- - Ultimo aggiornamento
loading

Una enorme tempesta di sabbia e polvere, alta circa duemila metri e larga più o meno 80 chilometri. Numeri davvero impressionanti. È successo in Arizona, negli Stati Uniti. Questo fenomeno ha un nome ben preciso, è arabo ed è haboob. Spesso si verifica nelle aree desertiche, dall’Africa sahariana all’Australia passando per il Messico. Quando si verificano fenomeni atmosferici molto violenti come questo in un paesaggio desertico, succede che il vento sollevi grandi quantità di sabbia. Questa si addensa fino a formare un’enorme massa che si sposta molto velocemente.

LEGGI ANCHE : >> Livelli di CO₂ in aumento, l’impegno di Unguess per essere Carbon Neutral

La tempesta di sabbia in Arizona

Nel caso dell’haboob dell’Arizona esso si è spostato a più di cento chilometri all’ora dalla zona di Casa Grande, nella parte meridionale dello stato, verso nord. La sua durata è stata di circa mezz’ora, e nel frattempo ha lasciato migliaia di residenti senza corrente. In mezzo a questa spettacolare e tremenda tempesta i venti hanno raggiunto un massimo di 105 chilometri orari. Inoltre si è segnalata una visibilità quasi nulla.

Che cos’è l’haboob

Un haboob è una tempesta di polvere e di sabbia molto intensa, scatenata dai temporali che investono le vaste superfici desertiche del Sahara e del Medio Oriente. Tale fenomeno si verifica soprattutto nella zona compresa fra il Lago Ciad e il Sudan nord-orientale, nel periodo estivo. Il termine però si usa per descrivere fenomeni analoghi in altre aree desertiche o secche nel resto del mondo. Per esempio in Australia, Messico e Stati Uniti.

L’haboob è un fenomeno ibrido fra l’attività idrometeorica e quella litometeorica, scarsamente influenzato dalle condizioni locali. In genere dura dai 10 ai 30 minuti, ma in casi eccezionali può arrivare a durare anche un’ora.

Foto: Shutterstock