Il mare più pulito d’Italia non è in Sardegna

Benché l'Italia sia ricca di bellissime spiagge, il mare più pulito non si trova in Sardegna, regione che comunque si trova al secondo posto nella classifica
- - Ultimo aggiornamento
loading

Dove si trova il mare più pulito d’Italia? In molti risponderebbero, a caldo, la Sardegna. La realtà, però, è un’altra. C’è da dire che nel nostro Paese si cade sempre più o meno in piedi, vista l’abbondanza di spiagge davvero meritevoli. Sono tante le regioni che hanno una qualità dell’acqua veramente notevole, ma come si misura lo stato di salute del mare?

LEGGI ANCHE : >> Spiagge libere in Italia cercansi. Il rapporto di Legambiente

Le analisi per la qualità del mare

A occuparsene è il Sistema Nazionale per la Protezione Ambientale in collaborazione con diversi enti regionali e locali. Questi analizzano a intervalli regolari i livelli di residui fecali nelle acque marine e lacustri alla ricerca di batteri pericolosi. Dopo aver individuato i valori di residui fecali, si dà una valutazione da “eccellente” al mare in questione.

La Puglia ha il mare più pulito d’Italia

Ebbene nella classifica delle regioni con il mare più pulito della penisola, la Sardegna è al secondo posto, con una percentuale di 97,6% di spiagge con un livello eccellente. Meglio della Sardegna riesce a fare solo la Puglia, con il 99% di spiagge segnalate come eccellenti dagli specialisti. Un grande risultato per la Puglia, che viene premiata per il secondo anno consecutivo come la regione che ha le spiagge più pulite di tutta la penisola italiana.

Che cosa possiamo fare noi per tenere spiagge e mari puliti

Un risultato che arriva grazie ad una attenta pianificazione e attuazione di politiche ambientali mirate alla conservazione degli habitat marini. A rendere spiagge e mari puliti ovviamente contribuiamo anche noi bagnanti. Ecco alcune regole allora per rendere il mare più pulito: non lasciare rifiuti sulla spiaggia, non catturare animali marini, pulire se si trovano plastiche o altri materiali inquinanti.

Foto: Shutterstock