Il vino influenza la scelta della meta delle vacanze

Secondo Tiqets la possibilità di abbinare una wine experience alla vacanza è un fattore decisivo nella scelta della destinazione finale.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Al vino non si rinuncia nemmeno in vacanza. Secondo Tiqets, piattaforma di prenotazione online per musei e attrazioni, la possibilità di abbinare una wine experience alla vacanza è un fattore decisivo nella scelta della destinazione finale. Lambrusco, Prosecco, Cannonau, Barolo, Chianti, Gewurztraminer e infiniti altri tra bianchi, rossi e rosati. Da bere ghiacciati o freschi di cantina, fermi o frizzanti, da abbinare con piatti conosciuti in tutto il mondo o con chicche più locali.

LEGGI ANCHE : >> Pesticidi nel vino: attenzione a cosa beviamo

Italia, terra di eccellenza nel vino

Da sempre, l’Italia è considerata il paradiso degli amanti del buon cibo e del bere bene. “Nel corso degli ultimi 24 mesi, le richieste di includere nell’offerta attrazioni che abbiano a che fare con il mondo del vino sono più che duplicate. A dimostrazione del fatto che la possibilità di abbinare una wine experience alla vacanza sia un fattore decisivo nella scelta della destinazione finale e nell’organizzazione dei punti d’interesse da visitare – fa sapere Paolo Fatone di Tiqets -. Tra le richieste c’è anche quella di attrazioni in grado di enfatizzare la località delle produzioni, un’altra delle tendenze individuate dal Rapporto sul Turismo Enogastronomico Italiano. Ma non solo: il viaggiatore è sempre più esigente, attivo, ed è sempre più alla ricerca di esperienze autentiche e immersive, che strizzano l’occhio alla sostenibilità”.

La selezione di Tiqets

Per quest’estate, quindi, Tiqets ha creato una selezione di 5 attrazioni in tutta Italia in cui il “nettare degli dei” la fa da protagonista. Tra degustazioni, mostre ed esplorazione di cantine e di centri storici.

“L’obiettivo, per i prossimi mesi, è quello di continuare a includere nell’offerta attrazioni legate all’enogastronomia in tutta Italia sia legate a prodotti molto conosciuti che eccellenze più di nicchia. Per un pubblico più ampio o esperienze esclusive per un numero più ristretto di persone”.

Vino in vacanza, le mete migliori

Una visita alla casa del Brunello di Montalcino, uno dei vini rossi DOCG della Toscana. Un’esperienza multimediale alla scoperta della storia del famoso vino, dell’ex convento e complesso monumentale di Sant’Agostino. E ancora del Museo archeologico sotterraneo, delle collezioni del Museo Civico e Diocesano e della Mostra dell’Immagine Divina. Per concludere la giornata tappa all’enoteca Bistrot Caffetteria del Tempio del Brunello per la degustazione di un calice di vino rosso di Montalcino.

Un assaggio della toscana rurale (e dei suoi vini) a Radda in Chianti. Tra visite guidate alle cantine, ai centri storici e degustazioni di vini e di prodotti tipici.

Un tour della Tenuta Santa Maria Valverde, con la sua cantina del XVII secolo e la casa rurale privata, insieme a un appassionato esperto locale. A seguire la degustazione di una selezione di vini artigianali (Valpolicella, Ripasso e Amarone) insieme al produttore e un pranzo con assaggi della cucina veronese.

Una passeggiata nel centro storico di Montepulciano e una visita a due cantine storiche nel cuore del paese per degustare il Vino Rosso di Montepulciano DOC e Vino Nobile di Montepulciano DOCG.

Un tour delle cantine e dei vigneti ai piedi del Vesuvio, seguito da assaggi di vini Lacryma Christi del Vesuvio DOC abbinati a un pranzo a base di prodotti biologici locali provenienti dalla zona circostante il vulcano.

Foto: Ufficio Stampa Action Agency