La cioccorana esiste ed è stata scoperta da uno scienziato australiano

La piccola rana è probabilmente originaria della Nuova Guinea: il nome scientifico significa "meraviglia"
-
La cioccorana esiste ed è stata scoperta da uno scienziato australiano

Gli amanti del mondo magico di Harry Potter staranno facendo un salto sulla loro sedia: le cioccorane, i cioccolatini birbantelli pronti a sgusciare via appena aperti, esistono davvero e sono state scoperte da uno scienziato del Queensland Museum di Brisbane, in Australia.

LEGGI ANCHE: — Con l’aumento delle temperature le zecche preferiscono l’uomo

La piccola rana marrone è stata identificata per la prima volta dal dottor Paul Oliver, che collabora anche con la Griffith University: per colore e dimensione è stata battezzata “rana di cioccolato” (chocolate frog o cioccorana, nella traduzione italiana dei libri di J.K Rowling) anche se il nome scientifico è in realtà “Litoria mira”.

LEGGI ANCHE: — Proteggiamo le rane per tenere alla larga la malaria

“Il parente più vicino conosciuto di Litoria mira è la raganella verde australiana -ha spiegato il dottor Oliver- Le due specie sembrano simili, tranne una di solito è verde, mentre la nuova specie di solito ha un bel color cioccolato. Ciò che sorprende un po’ di questa scoperta è che la famosa e comune raganella australiana ha un parente a lungo trascurato che vive nelle foreste pluviali di pianura della Nuova Guinea. Per questo abbiamo chiamato la nuova rana Litoria mira perché la parola Mira significa sorpreso o strano in latino”.

Steve Richards del South Australian Museum, coautore dello studio, ha affermato che probabilmente la Litoria mira è originaria della Nuova Guinea e in particolare di zone paludose, estremamente calde e infestate di coccodrilli, che dunque scoraggiano l’esplorazione.

“Anche se la Nuova Guinea non è un posto che la maggior parte degli australiani conosce bene, molti gruppi di animali sono in comune (con l’Australia, n.d.r). Quindi comprendere la biodiversità in Nuova Guinea ci aiuta a comprendere la storia e le origini della fauna unica dell’Australia”