Il bicarbonato è veramente ecosostenibile?

Molte persone utilizzano il bicarbonato per gli utilizzi più svariati, nella convinzione che sia più ecosostenibile dei comuni detergenti: ma è proprio così?
-
Il bicarbonato è veramente ecosostenibile?

E’ il cavallo di battaglia di tutte le nonne del mondo: il bicarbonato, nelle tradizioni popolari e nei rimedi casalinghi, serve veramente a tutto. Sicuramente ci aiuta se abbiamo mal di stomaco, d’altronde è stato creato per quello: ma è efficace anche per le pulizie personali, domestiche e addirittura come disinfettante? E soprattutto, è veramente preferibile, a livello di sostenibilità, ai classici detergenti usati per le pulizie?

LEGGI ANCHE: — I FALSI MITI SUL RISPARMIO DOMESTICO: ECCO QUALI SONO

Come spiegato molto bene dal chimico e divulgatore Dario Bressanini sul suo canale Youtube, in realtà il bicarbonato non ha alcuna valenza detergente nè disinfettante: l’unico valore aggiunto alle pulizie con bicarbonato -più o meno diluito- è data dai suoi granuli, che possono creare una sorta di effetto “scrub” e grattare via la sporcizia.

Del tutto inutile quindi usarlo ad esempio per lavare le verdure (men che mai in gravidanza per proteggersi dalla toxoplasmosi) pensando di “disinfettarle”: purtroppo per quello l’unica soluzione è il bagno in soluzioni apposite, a base di Amuchina e pensate per uso alimentare.

Tornando all’ecosostenibilità: il bicarbonato è più ecologico dei comuni detergenti?

Il bicarbonato è un elemento sia presente in natura che prodotto industrialmente: nel primo caso, ovviamente, parliamo di un ingrediente naturale che anche quando viene smaltito come rifiuto non crea danni all’ambiente. Si tratta però del bicarbonato purissimo, estratto dalle cave, che si trova in vendita nei negozi che vendono prodotti bio ad un prezzo decisamente più alto di quello a cui siamo abituati a vederlo sugli scaffali del supermercato.

Quello è il bicarbonato non naturale, frutto di un processo chimico, ch e viene creato in laboratorio, a partire dall’ammoniaca e facendo reagire cloruro di sodio e anidride carbonica. La produzione chimica del bicarbonato è inquinante, soprattutto per via dei metalli pesanti scarti della lavorazione.

Usare il bicarbonato industriale non è quindi una scelta sostenibile, ma inquinante più o meno come l’acquisto dei detergenti chimici classici. Il bicarbonato purissimo, estratto e commercializzato senza altre lavorazioni, è invece una scelta più ecosostenibile.