Piano Sud 2030 per energia e ambiente: ecco cosa prevede

Presentato lo scorso 12 febbraio, sarà realizzato con risorse nazionali ed europee che per il triennio 2020-2022 prevedono circa 21 miliardi di euro. Tutti i dettagli
-

È stato presentato a Gioia Tauro, lo scorso 12 febbraio, il Piano Sud 2030. Una linea strategica per individuare le risorse da attivare e gli obiettivi da raggiungere al fine di rilanciare gli investimenti in ricerca e innovazione nel Mezzogiorno.

Illustrato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte e dai ministri Giuseppe Provenzano (Sud e Coesione territoriale) e Luzia Azzolina (Istruzione), sarà realizzato con risorse nazionali ed europee che per il triennio 2020-2022 prevedono circa 21 miliardi di euro.

Leggi anche: Treno Verde di Legambiente, parte il tour dalla Calabria: al via le 13 tappe

Nel piano si legge: “L’individuazione e la destinazione di maggiori risorse per investimenti al Sud rappresenterebbe un’operazione debole e inefficace se non fosse accompagnata dall’indicazione di una strategia chiara e riconoscibile per i cittadini. Le politiche della coesione, riorganizzate nella logica del Piano per il Sud, si prestano a un approccio mission-oriented perché individuano alcuni obiettivi specifici su cui mobilitare le politiche pubbliche”.

Piano Sud 2030: reddito energetico, economia circolare e trasporto sostenibile

Nella linea strategica c’è una parte intitolata “Un Sud per la svolta ecologica”, che indica alcune misure per l’utilizzo delle energie rinnovabili, il potenziamento dei trasporti e lo sviluppo dell’economia circolare.

Tra queste misure c’è la creazione di un Fondo Nazionale Reddito Energetico per l’acquisto di impianti fotovoltaici, che sarà diviso in due sezioni. La prima indica i contributi in conto capitale per ricevere incentivi diretti all’acquisto dei suddetti impianti; la seconda offre garanzie a favore di finanziamenti bancari sempre in merito all’acquisto degli impianti. Il Ministero dello Sviluppo Economico indicherà i requisiti i requisiti dei beneficiari.

Il Piano Sud 2030 punta a realizzare inoltre una rete innovativa di riciclo completo dei prodotti per l’igiene della persona. Sono previsti diversi passaggi:

  • posizionamento in città pilota del Mezzogiorno di smart bin, dispositivi per la raccolta differenziata accessibili digitalmente e con alimentazione al 100% sostenibile;
  • conferimento della raccolta a impianti di trattamento;
  • immissione delle “materie prime seconde” sul mercato.

Infine, la linea strategica vuole migliorare il trasporto ferroviario regionale e interregionale, quello metropolitano e suburbano e i collegamenti con le aree interne. Il governo prevede di acquistare nuovo materiale rotabile e nuovi vagoni per metropolitane e treni suburbani. Non solo, si intende anche elettrificare alcune linee con servizio fornito ancora da locomotori diesel e migliorare la condizione delle stazioni ferroviarie urbane. Ma anche dotarsi di nuovi autobus meno impattanti per l’ambiente, soprattutto nelle aree interne.

Green Symposium 2020
Facebook Comments