Green Symposium 2020: il 5 e 6 marzo a Napoli si parla Green economy

L'evento, organizzato da Ricicla.tv con il supporto di Ecomondo, coinvolgerà imprese, amministrazioni pubbliche e cittadini sul tema della sostenibilità
-

Napoli dedica due giorni alla green economy: il 5 e 6 marzo nel capoluogo partenopeo si svolgerà il Green Symposium 2020, un evento che coinvolgerà imprese, amministrazioni pubbliche e cittadini sul tema della sostenibilità.

L’iniziativa è organizzata da Ricicla.tv, testata giornalistica online, con il supporto del board tecnico scientifico di Ecomondo, la fiera di riferimento in Europa per l’innovazione tecnologica e industriale dell’economia circolare.

Leggi anche: Sneakers completamente riciclate: il progetto di Adidas per salvare l’ambiente

La manifestazione si terrà nella splendida cornice della Stazione Marittima di Napoli, con la partnership tecnica di Ispra-Snpa, Albo nazionale gestori ambientali, Commissario di governo per le bonifiche e sotto l’alto patrocinio del ministero dell’Ambiente. L’obiettivo è quello di creare momenti di confronto che portino all’ideazione e allo sviluppo di progetti ampiamente condivisi.

Green Symposium 2020: seminari tematici e tavoli tecnici aperti a tutti

Il Green Symposium 2020 proporrà due aree espositive dedicate esclusivamente alle Istituzioni, ai Consorzi e alle Associazioni che avranno un desk informativo rivolto al pubblico. Durante le due giornate sono previsti 4 seminari tematici che si terranno in un’apposita area congressuale da 280 posti.

Non solo, sono in programma 8 tavoli tecnici e di approfondimento che si svolgeranno in sale disposte per accogliere dai 30 ai 50 partecipanti. Vi potranno partecipare imprese, associazioni di imprese, ordini professionali, mondo accademico e cittadini.

“È un appuntamento importante per il futuro del Paese. Un’occasione per fare rete, per discutere e mettere a punto le soluzioni migliori per il Sud, che ha un grande bisogno di approfondire le expertise di settore, soprattutto sugli appalti” – ha commentato il Generale dei Carabinieri Giuseppe Vadalà.

Sono 10 le Regioni che parteciperanno all’iniziativa, circa 20mila le imprese invitate e oltre 3mila i Comuni coinvolti. I tavoli di lavoro si chiuderanno con il discorso di chiusura del ministro dell’Ambiente Sergio Costa. Sarà inoltre proposta la candidatura di Napoli come capitale del Mediterraneo per l’economia circolare.

“Metteremo al centro di uno dei tavoli tecnici il tema della nuova tracciabilità dei rifiuti molto sentito dalle imprese di settore, sul quale stiamo lavorando alacremente con il Ministero dell’Ambiente. A Napoli avremo l’occasione di confrontarci con tutti gli stakeholder coinvolti da questo importantissimo processo” – ha spiegato Eugenio Onori, presidente dell’Albo Nazionale Gestori ambientali.

Sanremo 2020 economia circolare
Facebook Comments