Global Warming, queste sono le conseguenze per l’Italia

Il riscaldamento globale - il global warming - sta mettendo a dura prova il pianeta. Ecco le previsioni degli esperti su quel che ci attende.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Il Global Warming è qualcosa con cui sempre più dobbiamo prepararci a fare i conti. In realtà lo stiamo già facendo. Basta vedere l’andazzo dell’inverno appena trascorso, poverissimo di precipitazioni. Quali sono le conseguenze per il pianeta?

LEGGI ANCHE >> CI SONO POSTI IN ITALIA DOVE NON SI POTRA’ PIU’ VIVERE

Il parere del climatologo sul global warming

Ci aiuta a capirlo meglio un climatologo del CNR, Massimiliano Pasqui, che ha tracciato un bilancio degli effetti del clima che sta cambiando, in Italia certo ma non solo. Come riporta il sito Ilmeteo.it Pasqui ha evidenziato l’importanza di riconoscere la differenza tra meteorologia e climatologia.

La prima mostra variazioni con tempi molto più veloci dell’atmosfera, mentre la seconda riguarda modifiche più lente. Ecco le sue parole: “Il cambiamento climatico agisce su tutta la variabilità dell’atmosfera però alcuni aspetti sono più evidenti quando andiamo a valutare come cambia la temperatura o il regime di precipitazioni su periodi ampi di 10, 20 o 30 anni.

È chiaro che il cambiamento climatico agisce anche sulle singole situazioni come gli eventi estremi, modificandone alcune caratteristiche, per esempio mettendo a disposizione più energia per le tempeste o per le ondate di calore o modificandone l’occorrenza, quindi aumentando la frequenza, la durata e l’intensità.

Quindi il cambiamento climatico e il riscaldamento globale, in particolare, agisce sia a scala climatica, ovviamente, ma anche alla scala meteorologica e quindi sugli eventi estremi”.

LEGGI ANCHE >> CRISI CLIMATICA, QUESTO IL PUNTO DI NON RITORNO

Una situazione anomala

La situazione climatica che stiamo vivendo è fuori dal normale. Il Global Warming sta portando con sé un aumento vertiginoso delle temperature estive. L’aspetto più preoccupante è, come dicevamo prima, la riduzione delle precipitazioni nel periodo invernale.

Pasqui ha così proseguito: “Le proiezioni climatiche […] vedono alcuni caratteri abbastanza predominanti come l’aumento delle ondate di calore estivo, fa più caldo, e dei fenomeni più estremi della stagione estiva così come la riduzione della precipitazioni invernali unita ad un aumento delle temperature invernali che determinano uno stress molto forte su tutti gli ecosistemi”.

Foto: Shutterstock