Dipendenza da smartphone? Ecco i consigli per liberarsene

Ogni giorno, senza quasi che ce ne accorgiamo, trascorriamo intere ore chini sul nostro smartphone tra app e social. Come disintossicarsi?
- - Ultimo aggiornamento
loading

Notifiche, messaggi, chat sempre attive e chiamate possono diventare fonte di distrazioni continue. E il tempo che dedichiamo all’uso del cellulare finisce per sottrarci alla vita reale, alle relazioni  e agli affetti. Ad accorgersene sono stati, secondo uno studio di GWI, i giovani e giovanissimi che vorrebbero tenere un po’ a distanza il cellulare. Per questo motivo, ogni tanto, dovremmo imporci di stare lontano da ogni dispositivo elettronico seguendo alcuni consigli. Ecco sette trucchi per disintossicarci dallo smartphone.

Per prima cosa interveniamo su WhatsApp, applicazione di messaggistica istantanea più usata, disattivando le notifiche. Possiamo, così, silenziare le chat (magari partendo da quelle più noiose) per alcune ore o per sempre. In più, possiamo disattivare la notifica di lettura: questo diminuirà il senso di pressione.

LEGGI ANCHE : – WHATSAPP, IL TRUCCO PER TRADURRE ISTANTANEAMENTE IN QUALSIASI LINGUA

Passando, quindi, a Facebook, se non vogliamo disinstallare l’app, possiamo imporci di usare il social solo su desktop. E per essere più drastici, ci sono estensioni del browser che impediscono lo scroll della bacheca bloccandolo del tutto.

Anche per YouTube possiamo intervenire eliminando l’app sul cellulare e accedendo solo quando siamo alla scrivania. Quindi, su Chrome possiamo installare delle estensioni che ci aiutano a diminuire la nostra dipendenza. In particolare, bloccando la selezione di video consigliati.

LEGGI ANCHE : – CHIAMATE MUTE DAL CALL CENTER, ECCO COSA SIGNIFICANO VERAMENTE

Quante volte sbirciamo il numero di like e le views su Instagram? In questo caso, nascondiamone il contatore. Sarà un deterrente al successivo accesso. Con TikTok, amato dai giovanissimi, procediamo entrando nella sezione “benessere digitale” e selezionando un limite di tempo. Trascorso l’intervallo che abbiamo stabilito (40, 60, 90 o 120 minuti), l’applicazione chiede una password per continuare.

Sul fronte e-mail, invece, togliamo le notifiche che inducono a guardare lo schermo e controlliamole solo a orari stabiliti. Infine, per moderare l’uso generale dello smartphone, possiamo scaricare una delle app che conteggiano gli accessi. Il numero di volte in cui accediamo al telefono potrebbe farci capire definitivamente quanto tempo potremmo dedicare ad altro.

Foto Shutterstock