Cronache dal 2050: la storia di Cristina e Andrea, da Emozione3 alla “scuola di futuro”

10 anni fa raggiungevano il successo con Emozione3, oggi si rimettono in gioco con un progetto dedicato ai più giovani: proprio a loro Cristina Pozzi e Andrea Dusi raccontano il futuro con i seminari e i laboratori di Impactschool
- - Ultimo aggiornamento
loading

Spiegare il futuro ai più giovani, per prepararli a quello che li aspetta: questa è la missione di Impactschool, un progetto innovativo che offre ai giovani seminari e laboratori gratuiti ma si dedica anche a imprenditori e professionisti, per i quali esistono percorsi mirati per cogliere le opportunità che stanno per arrivare.

Intelligenza artificiale, la blockchain, la stampa 3d, le biotecnologie, il coding, la robotica e tutte le implicazioni etiche e sociali dei cambiamenti che comporteranno: questi i temi affrontati da Impactschool. Una delle sue fondatrici, Cristina Pozzi, ha scritto anche un libro sul tema, 2050: guida (fu)turistica per viaggiatori nel tempo.

Insieme ad Andrea Dusi, nel 2006 Cristina aveva fondato Wish Days, la società che realizzava cofanetti di experience gift con il marchio Emozione3, acquistato nel 2016 dal principale concorrente, Smartbox.

Dopo la fine di quell’esperienza, Cristina e Andrea hanno deciso di mettere a frutto l’esperienza raccolta in tanti anni trascorsi anche all’estero, dove hanno avuto la possibilità di vedere i grandi cambiamenti che avverranno nella società in termini di innovazione tecnologica ed etica: da qui nasce Impactschool, il cui claim è  “The future is open source”

Il messaggio che Cristina e Andrea vogliono che passi, soprattutto ai più giovani, è proprio quello che il futuro dipende da ognuno di noi e che le opportunità ci sono, ma vanno sapute interpretare. “Se vediamo un futuro nero, faremo scelte che ci porteranno a concretizzarlo così come lo vediamo. Ecco perchè la formazione è importante: offre gli strumenti per leggere le opzioni disponibili in tutta la loro varietà“, spiega Cristina, parlando della sfiducia che nota negli studenti universitari, contrapposta all’entusiasmo e all’apertura dei 14enni.

Il futuro è dietro l’angolo ed è una opportunità irripetibile: sta a noi rendercene conto (in tempo)!

larry page
Facebook Comments