DriverHub, l’app che connette driver e utenti per il servizio di noleggio con conducente

Una piattaforma che ha l’obiettivo di mettere tutti d’accordo, migliorando i servizi offerti dalle società di NCC, garantendo un mercato trasparente e competitivo. Ecco come funziona DriverHub
- - Ultimo aggiornamento
DriverHub, l’app che connette driver e utenti per il servizio di noleggio con conducente

DriverHub è una nuova applicazione che promette di mettere un po’ di ordine nella questione, recentemente al centro di polemiche, del mondo NCC.

L’idea è nata a Firenze da Costanza, Lorenzo e Francesco, tre giovanissimi fratelli cresciuti grazie al padre nel settore alberghiero. Il loro albergo è situato nel bel paesaggio della campagna toscana e, proprio per la sua posizione, i taxi hanno spesso difficoltà a raggiungerlo. Anche gli NCC non sono sempre disponibili al momento della richiesta, ed è complicato soprattutto quando serve un driver che parli una determinata lingua straniera.

Ecco allora la decisione di creare uno strumento funzionale che risponda alle esigenze dei clienti, incrementando l’offerta, e a quelle dei driver, garantendo un mercato trasparente e competitivo.

DriverHub: come funziona il Servizio Transfer in poche semplici mosse

Prenotare un driver diventa semplice e veloce. Come? Una volta scaricata l’app, utilizzarla sarà davvero facile. Basterà impostare la località di partenza, il numero di ore richieste, quante persone sono previste, i loro bagagli, la data e l’ora di inizio del servizio. A questo punto basterà aggiungere la ricerca dei driver per Regione o Provincia o Comune, oppure selezionarli dalla lista dei preferiti.

Una volta effettuata la richiesta, i driver faranno la loro offerta, che potrete confrontare con le altre nella sezione “Mie Richieste”. Potrete accettarne anche più di una: il driver che per primo invierà la conferma, si aggiudicherà la prenotazione del servizio.

Su DriverHub sono ammessi solo driver con licenza e patente professionale. Ciascuno di loro decide il proprio prezzo e può incoraggiare gli utenti a farsi inserire nella lista dei preferiti. Sarà il cliente a decidere se un autista è affidabile e potrà condividere sui social la recensione sul servizio offerto.

mobility hack
Facebook Comments