Orthoponics, la startup bolognese che si basa sull’economia circolare

Fornire soluzioni sostenibili per l’urban farming è l’obiettivo di Orthoponics, un sistema di produzione che si basa sull’acquaponica. Ecco cos’è
- - Ultimo aggiornamento
Orthoponics, la startup bolognese che si basa sull’economia circolare

Orthoponics è una startup bolognese nata nel 2017 con l’obiettivo di offrire soluzioni sostenibili per l’urban farming, attraverso i principi dell’economia circolare. La squadra è composta da Thomas Marino, Claudio Martina e Damiano Avellino.

L’impresa made in Italy ha creato un impianto in grado di produrre cibo di qualità riciclando le risorse scartate. Questo processo di riutilizzo avviene grazie a un sistema basato sull’acquaponica. Di cosa di tratta? Scopriamone di più.

Orthoponics: la startup usa il sistema dell’acquaponica. Ecco come funziona

Come abbiamo detto, Orthoponics utilizza un procedimento che si chiama acquaponica, ovvero un tipo di agricoltura abbinato all’allevamento sostenibile, che combina l’acquacoltura con la coltivazione idroponica. In questo caso la coltivazione dei vegetali viene combinata all’allevamento dei pesci.

Come funziona il meccanismo? L’acqua che contiene gli scarti prodotti dai pesci, è pompata nelle vasche che contengono i vegetali. In questo modo le piante assorbono questi ‘rifiuti’ filtrandoli e nutrendosi di diverse sostanze essenziali per il loro organismo.

Leggi anche “Parigi: coltivare un orto urbano sul tetto? Da oggi si può grazie a una startup”

Così facendo, i vegetali eliminano l’inquinamento, garantendo ai pesci un ambiente sano.  L’acqua, dopo essere stata filtrata dalle piante, viene reintrodotta nelle vasche per acquacoltura e riprende il suo ciclo.

Questo sistema consente di risparmiare più del 90% di acqua rispetto all’orto tradizionale.

Orthoponics: un orto su terrazzi e balconi, anche per chi vive in città

L’impresa innovativa bolognese ha creato Ortho, ovvero uno strumento realizzato in due tipologie: la prima, Domo, consiste in una sfera; la seconda, Wallo, consiste in un muro.

Entrambi i prodotti sono adattabili a terrazzi e balconi, garantendo la possibilità di coltivare e produrre cibo biologico anche per chi vive in città. L’utente, comodamente a casa propria, potrà creare un ecosistema biologico e indipendente.

Orthoponics è un’idea che ha riscosso molto successo, tanto da aver vinto il bando Start To Be Circular di Fondazione Bracco nel 2017 ed è stata inserita nell’incubatore SpeedMiUp.

Orto bio a distanza

 

Facebook Comments