Andriani, un’agricoltura digitale con xFarm

Andriani consolida il suo processo di digitalizzazione e promuove un’agricoltura rigenerativa e digitale grazie alla piattaforma xFarm
- - Ultimo aggiornamento
loading

Il processo di digitalizzazione per la produzione dei legumi di Andriani Spa, Società Benefit e BCorp cresce grazie alla collaborazione con xFarm Technologies. Si tratta della tech company che punta alla digitalizzazione del settore agroalimentare. Tradizione e innovazione tecnologica si fondono all’interno di uno storico gruppo italiano, che consolida le logiche del digitale per aumentare la sostenibilità delle produzioni. Il tutto nel rispetto della biodiversità e della tracciabilità della filiera produttiva.

LEGGI ANCHE : >> Caro bollette, c’è un Comune che regala pannelli fotovoltaici

Che cos’è xFarm

Per raggiungere questi ambiziosi obiettivi la tech company fornirà alla realtà pugliese la piattaforma digitale xFarm. Questa supporterà gli agricoltori e tutti gli operatori della filiera in ogni fase della produzione. Dalla gestione delle aziende agricole al monitoraggio dell’intera filiera. Con specifiche allerte di rischio di insorgenza di malattie delle leguminose, fino alla gestione e valorizzazione della sostenibilità con calcolo integrato di diversi indicatori ambientali.

Non solo, xFarm infatti supporterà Andriani anche nello sviluppo di nuovi manuali di produzione con all’interno nuove linee guida che aiuteranno gli agricoltori ad adottare pratiche sostenibili.

Il progetto di Andriani

Per Andriani si tratta di un ulteriore tassello nel suo percorso verso uno sviluppo sempre più sostenibile. Percorso intrapreso già da molto tempo e che la vede costantemente impegnata nell’implementazione di soluzioni innovative e virtuose. Così come nel perseguimento di un processo inclusivo che vede attivamente coinvolta tutta la catena di fornitura, in ottica di value network.

Si parte a gennaio 2023 con un primo coinvolgimento di 130 aziende agricole. Il progetto durerà 5 anni. Sarà completamente operativo entro il 2028, con il coinvolgimento di 200 aziende agricole e la digitalizzazione di 7mila ettari.

I vantaggi

La piattaforma, disponibile sia su mobile che su desktop, permetterà una gestione completa della filiera. Consente agli agricoltori di monitorare in tempo reale e migliorare le diverse fasi produttive e le pratiche agricole. Ai responsabili di filiera permette di tenere sotto controllo i dati aggregati delle aziende agricole e confrontare i principali parametri e indicatori aziendali.

Foto: Ufficio Stampa Disclosers