Il pericolo dei pesticidi contro le locuste

L'uso massiccio di pesticidi sembra aver rallentato l'invasione delle locuste del deserto ma non sono chiare le ripercussioni sull'ambiente
- - Ultimo aggiornamento
Il pericolo dei pesticidi contro le locuste

Sciami di locuste larghe decine di chilometri hanno minacciato di devastare i raccolti in Africa orientale dalla fine del 2019, mettendo circa 32 milioni di persone a rischio di soffrire la fame. L’infestazione di locuste del deserto, descritta dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) nel 2020 come una “piaga di proporzioni bibliche”. È la peggiore che la regione abbia visto da decenni, secondo i gruppi umanitari. In Etiopia, la tripla minaccia di locuste, inondazioni e COVID-19 ha minacciato di far precipitare la regione in una crisi umanitaria.

Per combattere l’emergenza, dall’inizio dell’epidemia nel dicembre 2019, i governi sono ricorsi a irrorare ampi tratti di terra con circa 1,8 milioni di litri di insetticidi su quasi 2 milioni di ettari (5 milioni di acri), dall’inizio dell’epidemia nel dicembre 2019, suscitando preoccupazioni per il potenziale impatti.

Una soluzione problematica

Una nuova analisi Mongabay dei dati FAO sull’acquisto di pesticidi può rivelare che le preoccupazioni possono essere fondate, poiché è scientificamente provato che il 95,8% dei pesticidi consegnati alle nazioni dell’Africa orientale in questo periodo causano gravi danni agli esseri umani e agli organismi non bersaglio come uccelli, pesci e api.

Sebbene nessuno dei sei pesticidi utilizzati in Africa orientale sia classificato come “altamente pericoloso” dall’Organizzazione mondiale della sanità, il clorpirifos e il fenitroto sono considerati “moderatamente pericolosi” e il malathion “leggermente pericoloso”.

Il Pesticide Action Network (PAN), un gruppo di campagna, elenca tutti e tre i composti come “altamente pericolosi”. Sono considerati acutamente tossici, un inibitore della colinesterasi, un cancerogeno, un inquinante delle acque sotterranee o un tossico per la riproduzione o lo sviluppo.

Secondo un rapporto di EcoTrac, una società di consulenza ambientale, tre sono altamente tossici per pesci e mammiferi e due sono altamente tossici per gli uccelli. Se queste tossine devono essere utilizzate, si consiglia alle persone di lasciare l’area per diversi giorni durante l’irrorazione, secondo la FAO. I pesticidi devono essere spruzzati a volume ultra basso, con una zona cuscinetto di 1.500 metri (quasi un miglio) da aree ecologicamente sensibili se spruzzati in aereo e di 100 metri (330 piedi) se spruzzati a piedi. Il personale addetto al controllo delle locuste dovrebbe indossare dispositivi di protezione individuale e durante la spruzzatura i pozzetti e gli alveari dovrebbero essere coperti.

Tuttavia, secondo Silke Bollmohr, consulente ambientale presso EcoTrac, le misure di sicurezza non sono sempre seguite in Africa orientale.

“I conservatori nel nord [del Kenya] hanno riferito che gli spruzzatori non hanno informato le comunità. Non c’erano informazioni su quale pesticida fosse stato usato e non sempre un avvertimento tempestivo per proteggere l’acqua [fonti], alveari e bestiame “

ha detto.

Altri tipi di pesticidi?

Non tutti i pesticidi attualmente in uso sono dannosi per gli organismi non bersaglio. Alcuni paesi, come la Somalia, si affidano principalmente ai biopesticidi e ai regolatori della crescita degli insetti (IGR). Questi presentano poche preoccupazioni per la salute pubblica e l’ambiente.

L’alternativa preferita agli organofosfati è un biopesticida a base di un fungo chiamato Metarhizium acridum. Il fungo prende di mira le locuste competendo con loro per l’acqua e le sostanze nutritive e non è tossico per l’uomo o altre specie.

Le locuste iniziano a indebolirsi tre o quattro giorni dopo essere state contaminate da M. acridum. La mortalità massima si raggiunge dopo circa due settimane poiché il fungo continua a produrre spore sulle locuste morte e può facilmente diffondersi all’intero sciame. Dall’inizio dell’infestazione del 2020, la FAO ei governi nazionali hanno acquistato 12.730 litri (3.363 galloni) di biopesticidi, meno dell’1% del volume di organofosfati acquistati.

LEGGI ANCHE – Pesticidi su frutta e verdura: ecco le più contaminate