Bitcoin e aumento delle emissioni di gas serra in Cina

Secondo una nuova ricerca la produzione di bitcoin in CIna porterà ad un aumento delle emissioni di CO2 con un picco entro il 2024
- - Ultimo aggiornamento
Bitcoin e aumento delle emissioni di gas serra in Cina

Il Bitcoin è una forma di valuta digitale che viene creata e conservata elettronicamente su un computer. Non si tratta di moneta cartacea come dollari, euro o yen controllati da banche centrali o autorità monetarie. Il Bitcoin è il primo esempio di una criptovaluta, che persone e aziende producono in tutto il mondo utilizzando un software per computer avanzato.

Leggi anche: — 5 miti da sfatare sulla Blockchain (Bitcoin)

La crescente popolarità del Bitcoin potrebbe avere un effetto negativo di lunga durata sull’ambiente. L’estrazione di criptovaluta richiede una potenza di computer ed elettricità significative e l’aumento degli acquisti di bitcoin lascia dietro di sé una notevole impronta di carbonio.
Ma quanto sta contribuendo il mining del bitcoin al riscaldamento globale?

Le ricadute del bitcoin

Secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista scientifica Nature Communications, nella sola Cina, si prevede che il bitcoin genererà oltre 130 milioni di tonnellate di emissioni di carbonio entro il momento in cui il consumo energetico della tecnologia raggiungerà il picco nel 2024.

Leggi anche: — La Francia “legalmente responsabile” per la mancata riduzione dei gas serra

Quella quantità di gas serra avrebbe superato la produzione di emissioni annuali totali dalla Repubblica Ceca e dal Qatar nel 2016. Secondo Sinan Kufeogl, ricercatore associato di ingegneria civile presso l’Università di Cambridge., la blockchain di bitcoin potrebbe consumare la stessa quantità di energia annua dei paesi di piccole e medie dimensioni come Danimarca, Irlanda o Bangladesh.

Poiché il bitcoin è cresciuto in popolarità, la Cina è diventata una mecca per la tecnologia. Se l’industria cinese dei bitcoin fosse un paese, il suo consumo energetico totale si sarebbe classificato al 12 ° posto a livello globale nel 2016, davanti alle principali economie come l’Italia e l’Arabia Saudita, secondo lo studio. Con hardware specializzato ed elettricità a basso costo prontamente disponibile, il paese ora rappresenta oltre il 75% della potenza di hashing della rete bitcoin, la potenza utilizzata da un computer o hardware per eseguire e risolvere algoritmi che generano nuove somme di criptovaluta e consentono transazioni tra di loro.

“Poiché l’industria mineraria di bitcoin è così nuova, non vi è ancora una corretta regolamentazione in tutto il mondo”

ha detto a CNN Business Shouyang Wang, coautore dello studio e professore presso l’Accademia cinese delle scienze.

Il sistema del mining

L’hardware di mining di Bitcoin si è evoluto man mano che la popolarità della criptovaluta è aumentata nel tempo. All’inizio, l’estrazione di bitcoin è passata attraverso una CPU (Central Processing Unit) di base su un computer generico, affermano gli autori dello studio.

Il processo si è poi evoluto e si è spostato sulle unità di elaborazione grafica (GPU). Queste offrivano più potenza, tassi di hash più elevati e alla fine hanno portato a un maggiore consumo energetico. Alla fine, sono stati introdotti circuiti integrati specifici per l’applicazione (ASIC) per ottimizzare i calcoli relativi al mining.

L’hardware di mining di criptovaluta è costantemente in esecuzione, il che aumenta anche il consumo di energia. Tra il 1 ° gennaio 2016 e il 30 giugno 2018, le operazioni di mining per quattro principali criptovalute hanno rilasciato fino a circa 13 milioni di tonnellate di anidride carbonica, secondo uno studio separato nella rivista di ricerca Nature Sustainability.
La crescita di queste emissioni potrebbe avere enormi implicazioni per l’intero pianeta.

La Cina è uno dei principali firmatari dell’Accordo di Parigi e si è impegnata a essere neutrale in termini di emissioni di carbonio entro il 2060. Ma il paese rimane il maggior contributore mondiale di gas serra e gli autori dello studio affermano che l’estrazione di bitcoin potrebbe compromettere i tentativi del paese di ridurre le emissioni.

“È importante fornire ai minatori incentivi per spostare le loro operazioni in regioni ad energia pulita. Questo è il motivo per cui è importante costruire e aggiornare gli impianti di generazione di energia pulita per garantire una produzione di elettricità coerente”.

ha detto Wang.

LEGGI ANCHE – App Yuka, una carota rivoluziona il modo di fare la spesa