Le auto del futuro si stamperanno in 3D, parola di Lou Tik

In arrivo a Torino la prima ‘fabbrica’ di stampanti 3D che permetterà ai consumatori di disegnare i modelli delle auto del futuro. Ecco il progetto
- - Ultimo aggiornamento
Le auto del futuro si stamperanno in 3D, parola di Lou Tik

Auto del futuro stampate in 3D: è questa la nuova sfida di Lou Tik, il general manager della società cinese Jac Design, che ha deciso di creare a Torino una fabbrica senza operai, ma composta da 50 tecnici informatici.

Il progetto, in collaborazione con la società Polymaker, si chiama Xev e prevede la stampa di un’automobile in soli 3 giorni con meno di 7mila euro.

Auto del futuro: da Jac Design alla fabbrica di auto in 3D

Sono passati circa 12 anni da quando Lou Tik è arrivato in Italia, precisamente a Torino, per approfondire lo studio dell’automobile. Il general manager della società cinese Jac Design, che appartiene al colosso Jac Motors e che oggi ha sede a Pianezza, impiegando 70 dipendenti, ha deciso di fondare una startup innovativa che rivoluzionerà le auto del futuro.

“Non ci serve uno spazio grandissimo – ha spiegato il fondatore di Xev – perché vogliamo fare una produzione personalizzata. Quello di cui abbiamo bisogno è una rete di fornitori competente che solo in quest’area possiamo trovare”.

Come funziona la startup? Ogni utente potrà ordinare la propria automobile direttamente dallo smartphone e dal computer. Si parte da un modello base, detto Lsev, che gli acquirenti potranno modificare nel design.

Il modello proposto da Xev è una city car a due posti, con motore elettrico e un’autonomia di 130 chilometri. Secondo il fondatore potrebbe entrare sul mercato in Europa già il prossimo anno, soprattutto perché il prezzo è molto competitivo.

Con quali materiali saranno stampate le auto del futuro progettate da Tik? “Polimeri di nylon – ha dichiarato il fondatore — resistenti, però, quanto l’acciaio”. Oltre alla Jac Motors “ci sono altri investitori sia americani che europei” ha concluso il manager.

mobility hack