Criptovalute: falsi miti, truffe e verità sui guadagni del trading online

Tecnologia e guadagni si sono incontrati sul terreno comune delle criptovalute ma muoversi nel settore non è sempre facile.
-
loading

Le persone che decidono di investire in Bitcoin ed Ethereum sono sempre più numerose ma la truffa, oltre al guadagno, è purtroppo dietro l’angolo. Ad attirare investitori ‘virtuali’ sono le esperienze di chi, in questi anni, ha accumulato una fortuna grazie alle criptovalute. E gli esempi, soprattutto via social, non mancano. Ma per guadagni milionari che si registrano ci sono quasi altrettanti rischi che si moltiplicano mettendo a repentaglio il patrimonio.

LEGGI ANCHE : – QUESTI I 30 GIOVANI PIÙ INFLUENTI D’ITALIA

Per attirare gli investimenti, infatti, non è raro che gli influencer del settore – spiega Vice – diano consigli per lo meno ambigui. E gonfiare i prezzi per trarre profitto gioverà loro più dei nuovi investitori. Per evitare raggiri e truffe, quindi, è fondamentale informarsi in maniera seria e studiare il mercato in anticipo. Conoscere meglio il mondo delle criptovalute, infatti, non solo evita brutte sorprese ma aumenta la capacità di coglierne le potenzialità.

Trend e rischi

Tra gli ultimi trend che riguardano le criptovalute, per esempio, si parla sempre più spesso di software che promettono guadagni facili grazie a piccoli investimenti in bitcoin. I destinatari privilegiati sono, dunque, i piccoli risparmiatori che vogliono provare a bittarsi nel mercato delle criptovalute con pochi rischi. Eppure, non è tutto oro quel che luccica: le promesse a svariati zeri sono letteralmente ‘spammate’ attraverso una massiva campagna di marketing.

LEGGI ANCHE : – COSÌ SI DIVENTA RICCHI SU TIKTOK

E leggendo le recensioni in rete, gli investitori iniziano a parlare di vera e propria truffa finanziaria. Da quello che raccontano alcuni utenti i soldi che hanno versato sono stati trasferiti su un conto in un paradiso fiscale. Il risultato? Il conto si azzera in fretta e al cliente che chiede spiegazioni viene risposto che si tratta di un errore di sistema. E si aggiunge spesso anche un’ulteriore richiesta di denaro: non cascateci.

Foto Shutterstock