La voce segnala se hai il Covid-19, ecco lo studio tutto italiano

Meglio di un tampone rapido: secondo l’ultima ricerca, l’analisi della voce permetterebbe di diagnosticare il virus.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Più sicura dei tamponi antigenici: l’analisi della voce, secondo una ricerca italiana, permette di diagnosticare il Covid-19. A sostenerlo è uno studio firmato dall’Università Tor Vergata di Roma e dall’Ateneo di Pavia che sono ricorsi all’Intelligenza Artificiale. Attraverso sofisticate tecnologie di AI, infatti, è possibile capire se una persona ha contratto il Coronavirus con un’affidabilità del 90%.

LEGGI ANCHE >> ANCHE GLI INCUBI SONO UN SINTOMO DEL COVID

Analizzare la voce sarebbe, quindi, uno strumento di diagnosi addirittura più efficace degli ormai comuni tamponi rapidi. Pubblicato sul ‘Journal of Voice’, lo studio italiano spiega come l’intelligenza artificiale è capace di intercettare le anomalie della voce. Tali variazioni sarebbero, dunque, in grado di rilevare se una persona è sana, ha contratto il Covid o se è in fase di Long Covid.

LEGGI ANCHE >> GLI ESPERTI: NESSUN TAMPONE RAPIDO È ATTENDIBILE AL 100%

Il virus, infatti, modificherebbe la voce intervenendo sull’apparato respiratorio e sui suoi muscoli così che tale modifica ne diviene sintomo. Il software di Intelligenza Artificiale, quindi, riconoscerebbe la variazione dalla sola lettura di una sequenza di parole e vocali. Intervallata da colpi di tosse, l’analisi attua una serie di algoritmi che considerano i parametri della voce interessati dalla malattia.

L’obiettivo a questo punto è arrivare allo sviluppo di una applicazione per smartphone che possa diventare a tutti gli effetti strumento di diagnosi.

Foto Shutterstock