Come riconoscere il prediabete, i sintomi da tenere sotto controllo

Il diabete è una patologia molto diffusa e anche in questo caso prevenzione e diagnosi precoce possono fare molto.
- - Ultimo aggiornamento
loading

L’insorgere del diabete di tipo 2 può essere anticipato dalla condizione di prediabete, i cui sintomi sono preziosi indicatori. Si parla di prediabete o di intolleranza glicemica per indicare quei fattori di rischio che possono svilupparsi in patologie più gravi. Vediamo quali sono i segnali ai quali fare attenzione.

LEGGI ANCHE >> I SINTOMI CHE ANTICIPANO L’ICTUS 10 ANNI PRIMA

Innanzitutto, nel prediabete si registra un aumento dei livelli di glicemia che risulta sempre al di sopra dei valori normali. In particolare, si parla di prediabete quando la glicemia a digiuno è compresa tra 100 e 125 mg/dl e la curva da carico di glucosio è tra 140 e 199 mg/dl. Un altro indicatore è, poi, l’emoglobina glicata tra 42 e 48 mmol/mol.

Quindi, tra i campanelli d’allarme ci sono l’aumento della sete e la minzione più frequente ma anche problemi alla vista. E ancora, tutto questo può aggravarsi nei casi di sovrappeso o addirittura obesità, quando lo stile di vita è scorretto.

LEGGI ANCHE >> OBESITÀ, SCOPERTO L’EFFETTO COLLATERALE SULLA MENTE

Se poi l’età è superiore ai 45 anni, c’è familiarità con casi di diabete di tipo 2 e si soffre di pressione alta è bene coinvolgere al più presto il proprio medico. Resta sempre valido il consiglio di un’alimentazione sana e di uno stile di vita attivo per evitare patologie complesse.

Foto Shutterstock