Dall’America stop all’aspirina per prevenire l’infarto

La decisione della task force dei servizi di prevenzione americani cambia le carte in tavola
- - Ultimo aggiornamento
Dall’America stop all’aspirina per prevenire l’infarto

E se avessimo sbagliato tutto? Dall’America arriva un vero e proprio dietrofront circa l’uso dell’aspirina per i soggetti a rischio di eventi cardiovascolari (ictus, infarto) ma che ancora non li hanno sperimentati.

Si tratta di una decisione della task force dei servizi di prevenzione americani: le persone tra 40 e 59 anni devono decidere con il proprio medico se iniziare ad assumere l’aspirinetta, mentre sopra i 60 anni è meglio non cominciare affatto.

LEGGI ANCHE >> L’ASPIRINA HA ANCHE UN NUOVO EFFETTO COLLATERALE CHE NON CONOSCEVAMO

Una decisione che si basa sulle evidenze: come riporta Repubblica.it il rischio di effetti collaterali seri va oltre i benefici di quella che finora era stata considerata un’arma molto economica per prevenire le patologie cardiovascolari.

LEGGI ANCHE >> PROBLEMI DI VISTA? CONTROLLA IL CERVELLO

L’aspirina inibisce la formazione di trombi che possono bloccare le arterie, ma alcuni studi sostengono che l’utilizzo regolare di questo farmaco aumenti il rischio di sanguinamenti, specialmente nel tratto digestivo e nel cervello.

Photocredits: Shutterstock