Il metodo ABCDE per riconoscere un neo della pelle sospetto

Possiamo tenere sotto i controllo i nei della nostra pelle monitorando con costanza alcuni aspetti: ecco il metodo ABCDE.
-
loading

C’è un metodo semplice ma efficace per capire quando uno dei nei che abbiamo sulla pelle richiede maggiore attenzione. È importante, infatti, monitorare con costanze i nostri nei perché ogni eventuale cambiamento può essere sintomo di qualcosa di più serio. E in questo caso è bene ricorrere a un controllo medico. In linea generale, possiamo considerare un neo ‘normale’ quando è di piccole dimensioni, tondeggiante e regolare nei contorni. Dobbiamo, invece, allertarci se un neo ha bordi frastagliati o irregolari, tende a cambiare nel tempo e prude. In questo caso si parla di neo ‘maligno’.

Per un’analisi più attenta possiamo ricorrere al metodo ABCDE (Asimmetria, Bordi, Colore, Diametro e Evoluzione). A come Asimmetria: i nei normali sono tondeggianti e simmetrici, quelli maligni invece non hanno mai due metà identiche. B come Bordi: un neo regolare ha contorni netti, mentre uno maligno non è definito nei margini e può essere discontinuo o sfocato.

LEGGI ANCHE: ASPIRINA, SCOPERTO UN SORPRENDENTE EFFETTO COLLATERALE

LEGGI ANCHE: CONTRO LA NAUSEA UN RIMEDIO INASPETTATO (CHE CREA POLEMICHE)

ArticolC come Colore: attenzione se un neo non è uniforme del colore, presenta una combinazione di colori o ha porzioni bianche e rosse. D come Diametro: la misura media normale è tra i 2 e i 3 millimetri, se supera i 6 il rischio che sia un melanoma è superiore. E come Evoluzione: cerchiamo di controllare i nostri nei in maniera costante nel tempo perché ogni cambiamento può essere sospetto.o di Paola M. Farina

Foto Shutterstock