La cannabis come rimedio contro la nausea: lo studio

Una ricerca dell’Università del New Mexico ha evidenziato nuovi benefici della cannabis contro la nausea. Ma ha sollevato anche nuove preoccupazioni.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Oggetto di molti studi, la cannabis avrebbe rivelato in una ricerca recente un beneficio in caso di stati di nausea. A condurre l’indagine è stata l’Università del New Mexico, negli Stati Uniti, che ha analizzato oltre duemila autosomministrazioni. Ognuno degli 886 pazienti osservati, infatti, ha registrato su un’app specifica i cambiamenti notati con l’uso di cannabinoidi. E la comunicazione di ogni sintomo è stata inviata in tempo reale. Ne è emerso che oltre il 96% delle persone che hanno utilizzato cannabis contro la nausea ha notato sollievo entro un’ora dall’assunzione della stessa (greenme.it).

LEGGI ANCHE: UN DOLORE CRONICO CHE AFFLIGGE 2 MILIONI DI ITALIANI: LA RICERCA

Tale sollievo, però, è risultato differente a seconda del tipo di prodotto, ovvero fiori e concentrati supererebbero in efficacia le tinture. E ancora, i prodotti identificati come cannabis sativa sarebbero più efficaci rispetto a quelli etichettati come cannabis indica. La ricerca ha, quindi, indagato le differenze tra THC (presente nel consumo “creativo”) e CBD (tipico dell’uso medico). E il primo sarebbe risultato più efficace del secondo. Questo ha sollevato alcune perplessità e preoccupazioni negli stessi ricercatori che hanno sottolineato i rischi del THC a lungo termine. Molti dei quali sono ancora tutti da approfondire.

LEGGI ANCHE: ASPIRINA, SCOPERTO UN EFFETTO SECONDARIO ANCORA SCONOSCIUTO

Articolo di Paola M. Farina

Foto Shutterstock