Santi di ghiaccio, la spiegazione contadina al clima freddo di questa primavera

Quest'anno la primavera stenta ad arrivare: Santi di ghiaccio, spiegazione contadina al freddo di questa primavera
-
Santi di ghiaccio, la spiegazione contadina al clima freddo di questa primavera

Questa primavera 2021 stenta a decollare: ma non è una sorpresa o una novità, almeno per la tradizione contadina dell’Europa centro settentrionale.

LEGGI ANCHE: — PREVISIONI METEO, LA VERITA’ SUGLI ERRORI

In secoli di osservazione, gli agricoltori hanno rilevato che nei giorni che vanno approssimativamente dall’11 Maggio al 15 Maggio (ma in alcune versioni inizia più tardi e finisce intorno al 20), ogni anno si verifica un brusco abbassamento delle temperature. Questi giorni sono stati quindi ribatezzati “I santi di ghiaccio”, con riferimento ai santi che vengono ricordati in quei giorni, S. Pancrazio, San Servazio e San Bonifazio.

La tradizione, come dicevamo, è più di paesi come Francia, Germania, Ungheria, ma a quanto pare è stata recepita anche in Italia: esiste un antico detto veneto che recita (tradotto) “Maggio per quanto bello, salva un granello di ghiaccio; un po’ per San Pancrazio, un po’ per San Servazio e il resto per San Bonifazio“. Oppure ancora : “San Pancrazio, San Servazio e San Bonifazio, il gelo di maggio”.

Quest’anno, viste le temperature decisamente poco miti, la mente va subito ai Santi di ghiaccio: dopo il 20 maggio inizierà finalmente la primavera?