Il grano più diffuso in Italia? È geneticamente modificato

Si chiama ‘Creso’ ed è la varietà di grano più diffusa nel nostro paese. Quello che, forse, si sa meno è che è geneticamente modificata.
- - Ultimo aggiornamento
loading

L’Italia è famosa al mondo per la sua cucina e tra i piatti che meritano un posto d’onore non può mancare la pasta. Da tempo il tipo di grano più diffuso nella produzione è quello denominato ‘Creso’ ma forse non tutti sanno che nasce da una modifica genetica. Ebbene sì, il grano più coltivato nel nostro Paese è geneticamente modificato ed è il frutto di un bombardamento da raggi gamma.

Il nome scientifico di derivazione è ‘Triticum Durum’, selezione dall’incrocio di grani duri e teneri con un grano mutato dal frumento Cappelli. Ma come sarebbe nato? La storia ci porta a un’altra specie, il ‘Triticum Monococcum’, a spiga piccola, da cui si ottenne il ‘Triticum Dicoccum’. Da qui, negli Anni Cinquanta, con il successivo incrocio si è ottenuta una prima tipologia di grano per la pasta che presto sostituì le sementi tradizionali.

LEGGI ANCHE: Pesticidi su frutta e verdura: i trucchi per eliminarli

Articolo di Paola M. Farina

Foto Shutterstock