Un “osservatorio” globale del sangue può aiutare a fermare le pandemie?

Il ricercatore Michael Mina propone una nuova strategia per tracciare rapidamente focolai di malattie impendendo nuove pandemie
- - Ultimo aggiornamento
Un “osservatorio” globale del sangue può aiutare a fermare le pandemie?

Michael Mina è in cerca di sangue. Milioni di campioni, per un progetto nascente soprannominato Global Immunological Observatory (GIO). Monitorerebbe i segni di patogeni che si diffondono nella popolazione. Si baserà su una tecnologia in grado di misurare centinaia di migliaia di anticorpi distinti in un microlitro di sangue. Se il GIO può superare gli ostacoli tecnici e logistici e trovare finanziamenti sostenuti, afferma, potrebbe fornire un potente strumento per il monitoraggio e la risposta ai focolai di malattie.

COVID, BUONE NOTIZIE PER LO SPRAY NASALE ANTI-CONTAGIO

Per ora, l’idea è solo un progetto pilota per monitorare la diffusione di COVID-19. La diffusione furtiva di quella malattia tra la popolazione ha sottolineato la necessità di un tale sistema di monitoraggio, afferma Mina, immunologa ed epidemiologa del Brigham and Women’s Hospital e della Harvard School of Public Health, che con i colleghi delinea il concetto di GIO questa settimana in eLife. (I coautori includono Jeremy Farrar, direttore del Wellcome Trust e gli specialisti in vaccini  Adrian McDermott e Daniel Douek del National Institutes of Health.)

La proposta di Michael Mina per un tracciamento più rapido

La sorveglianza delle malattie negli Stati Uniti ora si basa su un mosaico di ospedali, cliniche e medici per segnalare eventi insoliti ai dipartimenti sanitari statali. Questi passano le informazioni ai Centers for Disease Control and Prevention (CDC). La necessità di una sorveglianza più rapida e completa era chiara con l’incapacità di identificare e modellare la circolazione locale di COVID-19 in modo tempestivo.

COVID, LA NEBBIA MENTALE: COS’E’ E COME GESTIRLA

Mina vuole controllare le epidemie cercando anticorpi contro agenti infettivi in ​​campioni di sangue anonimi e raccolti regolarmente da ogni possibile fonte: banche del sangue, centri di raccolta del plasma, persino le punture del tallone dei neonati, che vengono prelevate nella maggior parte degli stati da ogni bambino in per identificare le malattie genetiche. I campioni sarebbero identificati solo per area geografica. Le piattaforme basate su chip in grado di identificare centinaia di migliaia di anticorpi sono già prodotte commercialmente da aziende come VirScan e Luminex. Mina dice che questi potrebbero essere facilmente ingranditi per esaminare un numero enorme di campioni, individualmente o in batch.

Mina e i suoi coautori immaginano inizialmente di testare circa 10.000 campioni al giorno.  Successivamente, se si assicurano i fondi per costruire il progetto, circa 100.000 al giorno per i soli Stati Uniti. Anche il numero più piccolo potrebbe rilevare, molto più velocemente dell’attuale sistema di segnalazione. Un’epidemia di virus Zika nelle zone rurali della Louisiana, ad esempio, o un’eruzione del virus West Nile in Colorado. Il GIO potrebbe anche accelerare il monitoraggio dell’influenza stagionale, consentendo agli ospedali di prepararsi a possibili picchi. E ai funzionari della sanità pubblica potrebbe assicurare che il vaccino sia distribuito nel modo più efficiente possibile.

Finanziamenti necessari per un progetto promettente

L’idea di monitorare regolarmente intere popolazioni alla ricerca di anticorpi è nata nel laboratorio del biologo evoluzionista Bryan Grenfell all’Università di Princeton, dove Mina ha lavorato come borsista post-dottorato. Ora, Mina si è unito a Grenfell e Jessica Metcalf, anche lei biologa evoluzionista a Princeton, nell’espansione del concetto.

Il team GIO sta già costruendo un laboratorio pilota in Massachusetts, mentre cerca di ottenere un sostegno finanziario. “Data l’importanza che riteniamo possa avere, stiamo cominciando a cercare finanziamenti da alcuni dei principali donatori filantropici del lavoro di sanità pubblica”, dice Mina. “Attualmente stiamo esplorando e siamo aperti a tutte le opzioni”.

Nel frattempo, il progetto pilota del team, supportato dalla fondazione Open Philanthropy, sta raccogliendo molte migliaia di campioni di sangue anonimi da una società di raccolta di plasma Octapharma. Selezionandoli per gli anticorpi contro la SARS-CoV-2, Mina ei suoi colleghi sperano di apprendere quanto possano essere utili i test anticorpali diffusi nel tracciare la diffusione del nuovo coronavirus e possibilmente prevedere futuri “punti caldi” o focolai localizzati.

Le persone spesso non sviluppano anticorpi fino a ben dopo le infezioni; per SARS-CoV-2 ci vogliono 1 o 2 settimane. Ma Mina dice che il test degli anticorpi fornisce ancora informazioni preziose. “Una settimana dall’inizio di un’epidemia non è enorme”, ha detto. “Ad esempio, se avessimo fatto questo con [sangue di] solo una piccola frazione di New York, avremmo rilevato che [SARS-CoV-2] era lì a febbraio e avremmo potuto fornire a [Governatore Andrew] Cuomo le informazioni per chiudere la città il 1 ° marzo invece del 19 marzo. ”

LEGGI ANCHE – Polimeri come armi contro la proliferazione dei virus