Polimeri come armi contro la proliferazione dei virus

Foto
I virus sono sempre tenuti sotto controllo dagli scienziati e ora nuovi polimeri potrebbero rappresentare una nuova via per combatterli
-
Polimeri come armi contro la proliferazione dei virus

I dispositivi di protezione individuale (DPI), come maschere e camici, sono generalmente realizzati in polimeri. Ma non si presta molta attenzione alla selezione dei polimeri utilizzati, al di là delle loro proprietà fisiche.

Per aiutare con l’identificazione di materiali che si legheranno a un virus e accelerarne l’inattivazione per l’uso nei DPI, i ricercatori dell’Università di Nottingham nel Regno Unito, EMD Millipore e l’Università Philipps di Marburg in Germania hanno sviluppato un metodo ad alta produttività per l’analisi le interazioni tra materiali e particelle simili a virus. Riportano il loro metodo in un articolo in Biointerphases.

La chiave nella struttura dei polimeri

“Siamo stati molto interessati al fatto che i polimeri possono avere effetti sulle cellule sulla loro superficie”

ha detto Morgan Alexander dell’Università di Nottingham.

“Possiamo ottenere polimeri che resistono ai batteri, ad esempio, senza progettare alcun materiale particolarmente intelligente o intelligente contenente antibiotici. Devi solo scegliere il polimero giusto. Questo documento estende questo pensiero al legame virale”.

Il gruppo ha creato microarray di 300 diverse composizioni monomeriche di polimeri che rappresentano un’ampia varietà di caratteristiche. Hanno quindi esposto questi polimeri a particelle simili a virus di Lassa e Rosolia – particelle con la stessa struttura delle loro controparti virali ma senza i genomi infettivi attivati ​​- per vedere quali materiali erano in grado di adsorbire meglio le particelle.

“Sapere che polimeri diversi si legano e possibilmente inattivano il virus a livelli diversi significa che potremmo essere in grado di formulare raccomandazioni. Devo usare questo materiale per guanti esistente o quel guanto se voglio che il virus si leghi ad esso e muoia e non voli in aria quando mi tolgo i guanti?”

ha detto Alexander.

Sebbene questo possa sembrare un metodo ovvio per esaminare rapidamente grandi quantità di materiali, la natura interdisciplinare del team lo ha reso in una posizione unica per condurre tale studio.

Una nuova arma contro il virus corona

Finora, i test hanno esaminato solo particelle simili a virus di Lassa e Rosolia. Il gruppo ora  spera di ottenere una sovvenzione per esaminare particelle simili a virus di SARS-CoV-2, il virus responsabile del covid-19.

Una volta determinata una manciata dei materiali più performanti, il passo successivo del progetto sarà quello di utilizzare virus vivi per valutare la loro vita infettiva sui materiali, tenendo conto delle condizioni ambientali del mondo reale, come l’umidità e la temperatura. Con una quantità sufficiente di dati, è possibile costruire un modello molecolare per descrivere le interazioni.

“Un forte legame e una rapida denaturazione di un virus su un polimero sarebbero ottimi”

dice Alexander.

“Resta da vedere se l’effetto è significativamente grande per fare davvero la differenza, ma dobbiamo cercare di scoprirlo”.

LEGGI ANCHE – La natura ispira polimeri compositi forti ma flessibili

Guarda la photogallery
Dispositivi di protezione individuale (DPI)
Illustrazione 3D del virus del morbillo
SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19