La “talpa” di InSight della NASA termina il suo viaggio su Marte

La sonda InSight non è stata in grado di scavare il suolo marziano, ma alla missione è stata concessa un'estensione su altre ricerche
- - Ultimo aggiornamento
La “talpa” di InSight della NASA termina il suo viaggio su Marte

Una “talpa” marziana fermerà i suoi valorosi tentativi di scavare sul Pianeta Rosso. Dopo il suo atterraggio nel 2018, la sonda termica della navicella InSight della NASA, o “talpa”, ha avuto problemi di attrito mentre gli investigatori lavoravano per cercare di saperne di più sulle fonti di calore interne che alimentano Marte. Quando la talpa scavava, tuttavia, rimbalzava contro il regolith (o suolo) inaspettatamente duro.

La NASA ha annunciato giovedì (14 gennaio) che la talpa costruita dal Centro Aerospaziale Tedesco (DLR) avrebbe abbandonato la sua storica missione.

Una sfida persa

La decisione è stata annunciata giorni dopo che una commissione di revisione scientifica esterna – considerando una richiesta di routine della NASA di estendere la missione di InSight sulla base dei suoi risultati scientifici – ha approvato pubblicamente l’estensione della missione, ma ha richiesto all’agenzia di perseguire il lavoro della talpa con una priorità inferiore. Il rapporto del comitato di revisione ha anche osservato che InSight rischia di esaurire l’energia prima che la sua missione appena estesa termini nel dicembre 2022, a meno che alcuni strumenti non vengano privatizzati.

L’ultimo tentativo di InSight di guidare la talpa sottoterra ha avuto luogo il 9 gennaio. Con l’assistenza dei controllori di terra sulla Terra, la talpa si è spostata di circa un pollice (2 o 3 cm) sotto la superficie, e la squadra ha usato una paletta sul braccio robotico del veicolo spaziale “per raschiare il terreno sulla sonda e rincalzarlo per fornire ulteriore attrito“, ha detto la NASA nello stesso annuncio.

I controllori hanno istruito InSight a fare 500 colpi di martello per guidare la talpa, ma la sonda non si è mossa dal suo trespolo poco profondo. La missione originariamente prevedeva che InSight distribuisse i sensori una volta che la talpa fosse a 3 metri sotto la superficie, ma la talpa non è mai andata oltre pochi centimetri.

“Abbiamo dato tutto quello che abbiamo, ma Marte e la nostra eroica talpa rimangono incompatibili”,

ha detto Tilman Spohn della DLR, ricercatore principale dello strumento Heat Flow and Physical Properties Package che include la talpa, nella dichiarazione della NASA.

“Fortunatamente, abbiamo imparato molto che andrà a beneficio delle future missioni che tenteranno di scavare nel sottosuolo”,

ha aggiunto.

Il futuro di InSight

Le future missioni su Marte vorranno muoversi sottoterra per applicazioni come l’accesso al ghiaccio d’acqua, o per la caccia alla vita microbica sotto la superficie. Il motivo per cui InSight non è riuscito a scavare nella superficie marziana è dovuto a “proprietà inaspettate” del suolo, ha detto l’agenzia, che si è dimostrato più difficile da spingere attraverso il materiale che due precedenti missioni marziane hanno incontrato.

Mentre la talpa non è riuscita a raggiungere il suo obiettivo primario, il team dietro la sonda ha imparato altre lezioni dall’esperienza. Il team ha fatto usare a InSight il suo braccio e la paletta in modi che gli ingegneri non avevano mai previsto. Come l’utilizzo di questi strumenti per spingere contro e verso il basso la talpa.

Questa esperienza duramente guadagnata tornerà utile quando il braccio robotico di InSight seppellirà il tether che invia dati ed energia al sismometro del veicolo. Una volta che il tether è sotto la regolite marziana, sarà meglio protetto dai cambiamenti di temperatura che influenzano la qualità dei dati sismici. Eppure, nonostante queste sfide, InSight ha registrato più di 480 terremoti su Marte dopo circa due anni sul pianeta rosso, ha detto la NASA.

La missione estesa di InSight non includerà solo il monitoraggio dei terremoti. Il mezzo raccoglierà anche dati attraverso un esperimento radio per scoprire se il nucleo del pianeta è solido o liquido. I sensori meteorologici aiuteranno anche gli scienziati a capire meglio le condizioni meteorologiche su Marte. Tutto questo insieme ai dati della missione del rover Curiosity della NASA e del rover Perseverance della NASA.

LEGGI ANCHE – Spazio: Ultima frontiera del turismo secondo Jared Isaacman