Spazio: Ultima frontiera del turismo secondo Jared Isaacman

Foto
La prima missione per civili di SpaceX in orbita potrebbe creare un servizio completamente nuovo nella space economy secondo Jared Isaacman
- - Ultimo aggiornamento
Spazio: Ultima frontiera del turismo secondo Jared Isaacman

Jared Isaacman non è un astronauta professionista, ma entro la fine dell’anno il giovane miliardario avrà girato intorno alla Terra più volte alla guida di una missione spaziale composta interamente da turisti. L’imprenditore partirà con un razzo Falcon 9 di SpaceX, in quella che sarà la prima missione interamente civile nell’orbita terrestre, che lui stesso comanderà e pagherà.

La missione Inspiration4, è il primo passo in un mondo dove tutti possono andare a viaggiare tra le stelle, ha spiegato Isaacman con un enorme sorriso mentre spiegava il progetto all’AFP di fronte alla sede di SpaceX nel sobborgo di Los Angeles di Hawthorne.

L’amministratore delegato della società di elaborazione dei pagamenti Shift4 Payments, che ha fondato all’età di 16 anni nel suo seminterrato, è un pilota esperto, qualificato per pilotare aerei militari, e detiene già un record mondiale di circumnavigazione del globo in un jet leggero in meno di 62 ore.

Nel 2012, ha anche fondato la sua azienda che addestra i piloti per le forze militari statunitensi, la Draken International.

“Sono un appassionato di spazio e di aviazione da quando ho memoria. Quando ero all’asilo, ricordo che guardavo i libri illustrati dello space shuttle. Ho detto alla mia maestra d’asilo che ‘Un giorno andrò nello spazio’ “.

ha detto il 37enne

Se tutto va come previsto, il suo sogno d’infanzia si realizzerà nell’ultimo trimestre di quest’anno, secondo SpaceX. Isaacman sarà affiancato da altri tre astronauti alle prime armi per il viaggio di più giorni – compreso un fortunato vincitore di un sorteggio – a bordo dello stesso modello di navicella Dragon che ha portato quattro astronauti alla Stazione Spaziale Internazionale nel novembre 2020.

Lo spazio anche per persone comuni

“Probabilmente la parte più eccitante di questa missione è che stiamo aprendo questo processo di selezione dell’equipaggio alla gente comune. Ci sono persone che vanno in giro oggi che non si rendono conto che tra 30 giorni verranno equipaggiati per una tuta spaziale”

ha detto Isaacman. L’idea è di avere un equipaggio che rifletta “i pilastri chiave della missione”: speranza, generosità e prosperità.

Il posto “speranza” andrà a un’operatrice sanitaria donna che è sopravvissuta al cancro da bambina dopo il trattamento al St. Jude Children’s Research Hospital, specializzato in tumori infantili e malattie pediatriche.

Il secondo posto, “generosità“, sarà parte di una raccolta di fondi per l’ospedale, ha detto, con un nome estratto a caso dai donatori online. Isaacman stesso sta inoltre donando 100 milioni di dollari all’organizzazione St. Jude.

Il terzo posto, che simboleggia la “prosperità“, andrà ad un imprenditore che può spiegare meglio “come il suo business farà la differenza nel mondo”.

Il concorso è aperto ai residenti degli Stati Uniti di età superiore ai 18 anni, ma non richiede alcuna abilità fisica o tecnica insolita.

LEGGI ANCHE – Turismo sostenibile, alternativa o necessità?

Guarda la photogallery
Un razzo Falcon 9
Veduta del pianeta Terra dallo spazio
Stazione spaziale internazionale