Caro energia, così puoi rateizzare le bollette

Contro il caro energia arriva una misura per rateizzare le bollette. Ecco come usufruire di questa agevolazione
- - Ultimo aggiornamento
loading

Il caro energia è qualcosa che sta seriamente preoccupando tutti. Il rincaro delle bollette di luce e gas rischia di paralizzare nuovamente un’economia che a fatica si stava risollevando dopo gli effetti devastanti della pandemia. Ma non tutto è ancora perduto. Vediamo come far fronte a questo antipatico salasso che gli Italiani (e non solo) si trovano a dover affrontare.

LEGGI ANCHE : >> BONUS BOLLETTE, COME RICHIEDERE GLI AIUTI

La misura contro il caro energia

Da inizio 2022 i clienti domestici e le piccole imprese in difficoltà possono infatti richiedere la rateizzazione delle bollette non pagate emesse nei primi quattro mesi dell’anno. Si tratta di una novità introdotta dall’ultima Legge di Bilancio deliberata a fine 2021 dall’Arera, l’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente. Ecco come funziona questa misura per arginare in qualche modo il caro energia.

LEGGI ANCHE : >> RISPARMIARE SI PUO’, ECCO COME

Come rateizzare le bollette

Come riporta il sito Altroconsumo.it la possibilità di rateizzare gli importi è prevista solo per le fatture non pagate emesse tra il 1° gennaio e il 30 aprile 2022. Ciò vale sia per i clienti del mercato tutelato che di quello libero dell’energia. Solo i clienti morosi possono beneficiare della rateizzazione, ovvero soltanto quelli che hanno fatto scadere il termine per il pagamento delle fatture. Ne consegue che non c’è la possibilità di accordarsi prima della scadenza per dilazionare gli importi.

Si può dilazionare il pagamento per un periodo che non superi i 10 mesi, e – cosa importante – all’importo non si applicano gli interessi. Bisogna invece versare il 50% dell’importo con la prima rata, mentre la restante metà si salda in rate successive di uguale valore. La periodicità dei pagamenti segue quella della fatturazione: se la fatturazione è bimestrale, anche la rata dovrà essere pagata ogni due mesi.

La normativa prevede che gli operatori possano offrire ai propri clienti soluzioni più vantaggiose. Ad esempio Eni gas e luce ha firmato un accordo con le associazioni dei consumatori che prevede la possibilità di chiedere la dilazione fino a 18 rate mensili in base all’importo della fattura e senza aspettare la scadenza dei termini.

Foto: Shutterstock