Ecco che cosa non devi fare quando adotti un criceto

Prendersi cura di un animale domestico è un impegno quotidiano, anche se si tratta di un pelosetto piccolo come un criceto.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Adottare un animale domestico è una decisione che deve essere valutata con grande attenzione insieme alla famiglia. Si tratta, infatti, di una scelta che inevitabilmente coinvolge tutti anche se si decide, per esempio, di prendersi cura di una creatura piccola come un criceto. Oltre alle attenzioni che ogni animale richiede, è bene valutare caso per caso le caratteristiche e le necessità del pelosetto che vogliamo portare a casa.

LEGGI ANCHE: HAI TROVATO UN CANE E VUOI PORTARLO A CASA? NON FARLO

Stando ai criceti, occorre sapere che sono animali delicati di cui bisogna preservare la sicurezza e la salute. La scelta migliore, in questo caso, è evitare di acquistarlo perché si rischia di alimentarne il traffico illegale. Meglio, dunque, adottarlo da associazioni che si occupano specificatamente di questo. Un’altra cosa importante è verificare che la propria casa sia adeguata: la presenza di altri animali, per esempio, potrebbe essere un problema.

Se sei un dormiglione o tendi a svegliarti tardi, devi sapere che i criceti sono invece molto mattinieri e ti potrebbero svegliare già all’alba. D’altra parte questi animali non amano per niente essere svegliati all’improvviso, magari perché il tuo bimbo vuole giocare con loro. Un risveglio brusco li può rendere nervosi e aggressivi.

LEGGI ANCHE: I BAMBINI DOVREBBERO DORMIRE CON GLI ANIMALI, LO DICE LA SCIENZA

Attenzione poi a non spaventarli dal momento che la loro vista bassa ne acuisce tutti gli altri sensi; potrebbero mordere più facilmente. È importante anche non lasciare nessuna fessura nella gabbietta, tenendo d’occhio l’animale quando lo lasciamo libero. Il loro corpo, infatti, sa appiattirsi e intrufolarsi anche in fori molto piccoli.

Bada anche ad avere nelle vicinanze un veterinario specializzato dato che il criceto è considerato un animale esotico. Per quanto riguarda, infine, la pulizia, non dimenticare di pulire la gabbietta in maniera costante, possibilmente una volta a settimana.

Articolo di Paola M. Farina

Foto Shutterstock