Botticelle Roma, Tar accoglie ricorso dei vetturini: un’altra estate da incubo per i cavalli?

"Ora il Comune deve correre ai ripari, e prima che scoppi il caldo. Non si capisce perché l'Amministrazione, pur avendo avuto anni per redigere il testo, che a detta degli autori era "a prova di Tar", abbia invece approvato un documento facilmente attaccabile, che ora il giudice amministrativo sospende», dichiara Rita Corboli delegata dell'Oipa di Roma.
-
Botticelle Roma, Tar accoglie ricorso dei vetturini: un’altra estate da incubo per i cavalli?

La seconda sezione del Tar del Lazio ha accolto il ricorso presentato dai vetturini sospendendo il nuovo Regolamento approvato dall’Assemblea capitolina. Lo rende noto l’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa).

LEGGI ANCHE: — TAR DA’ RAGIONE AI PROPRIETARI DI CANI: COSA E’ SUCCESSO

La motivazione: Roma Capitale non ha disposto “idonee soluzioni a permettere agli operatori del servizio di adeguarsi alle nuove previsioni, favorendo l’agevole transito verso e dalle aree assegnate, mediante – ad esempio – l’istituzione di zone di ricovero dei cavalli e dei veicoli a trazione poste nelle immediate vicinanze se non all’interno delle aree stesse ovvero la previsione di incentivi economici all’acquisto di idonei autoveicoli di trasporto”.

Ricordiamo che il nuovo Regolamento trasferisce le botticelle in alcune ville storiche, come Villa Pamphilj e Villa Borghese, e in alcuni parchi urbani.

«Ora il Comune deve correre ai ripari, e prima che scoppi il caldo. Non si capisce perché l’Amministrazione, pur avendo avuto anni per redigere il testo, che a detta degli autori era “a prova di Tar”, abbia invece approvato un documento facilmente attaccabile, che ora il giudice amministrativo sospende», dichiara Rita Corboli delegata dell’Oipa di Roma. «A questo punto si rischia una pericolosa deregolamentazione: il nuovo Regolamento a tutela degli animali, che andrà in Assemblea per l’approvazione la prossima settimana, prevede l’abrogazione degli articoli dal 44 al 47, che tutelano i poveri cavalli delle carrozzelle, proprio in considerazione dell’attuazione del Regolamento delle botticelle ora sospeso dal Tar».

L’Oipa auspica che si colmi questa grave lacuna con un emendamento che mantenga questi articoli e le sanzioni, altrimenti si rischia di vedere di nuovo i cavalli lavorare sull’asfalto bollente dell’estate romana, con temperature proibitive e senza neppure l’attuale pausa dalle 13 alle 17.

«L’Oipa, con le altre associazioni, aveva raccolto oltre 10 mila firme di cittadini per l’approvazione di una delibera d’iniziativa popolare per l’abolizione delle botticelle, delibera bocciata dall’Assemblea Capitolina in quanto ritenuta facilmente impugnabile dai vetturini», ricorda Rita Corboli. «Il nuovo Regolamento della Giunta era considerato “blindato”, invece il Tar l’ha sospeso».