Vinto ricorso, Tar dice si ai cani in spiaggia e sul lungomare

Cittadini e associazioni (OIPA e Leal) vincono il ricorso al Tar della Calabria contro l'ordinanza del sindaco di Faleria
-
Vinto ricorso, Tar dice si ai cani in spiaggia e sul lungomare

L’anno scorso il sindaco di Falerna, città marittima in provincia di Catanzaro, vietò ai cittadini di portare i propri cani al guinzaglio, anche se muniti di museruola, non solo in spiaggia ma anche sul lungomare e nelle zone verdi.

LEGGI ANCHE: — Se non proteggiamo le api possiamo dire addio a frutta e cioccolato

Oggi, fa sapere l’Oipa, il Tar della Calabria ha annullato l’ordinanza del sindaco pro tempore di Falerna, Daniele Minniti, n. 89 del 29 giugno 2020 con oggetto Disciplina attività balneare nella parte in cui vietava di condurre sugli arenili “cani o altri animali, anche se muniti di museruola e/o guinzaglio”, durante la stagione balneare. Il Tar ha inoltre condannato il Comune alle spese processuali.

Il ricorso era stato effettuato da alcuni cittadini, dall’OIPA e dalla Lega Antivivisezionista (Leal) ed è stato coronato dalla vittoria: i cittadini di Falerna sono quindi di nuovo liberi di portare il loro cane sul lungomare o in spiaggia, ovviamente rispettando le leggi vigenti e provvedendo a pulire se il cane sporca.

Aveva fatto molto discutere questa ordinanza emessa la scorsa estate quando, contro gli stessi interessi degli esercenti della sua città, il sindaco decise di negare l’accesso ai cani non solo in spiaggia, ma addirittura sul lungomare e nelle aree verdi. Per questo il 13 agosto scorso molti cittadini e vacanzieri protestarono con un sit-in pacifico sul lungomare Amerigo Vespucci di Gizzeria, insieme agli attivisti dell’Oipa di Lamezia Terme.

 “È illegittima l’ordinanza sindacale che, per preservare il suolo pubblico dall’insudiciamento di cani, vieta che gli stessi siano condotti dai proprietari sui marciapiedi, sulle aiuole di una determinata piazza del territorio comunale e all’interno del cimitero comunale, trattandosi di provvedimento eccessivamente limitativo della libertà di circolazione delle persone“, si legge nella sentenza del Tar.

«Siamo il secondo paese in Europa per presenza di animali nelle abitazioni, nelle case degli italiani ci sono milioni di cani», commenta Clara Solla, la delegata dell’Oipa di Lamezia. «Per questo tutte le strutture, nel nostro Paese, si stanno adeguando per poter ospitare gli animali domestici insieme ai loro proprietari. Il sindaco di Falerna ha tentato di agire al contrario, ma questa sentenza rende giustizia ai cani e alle loro famiglie».

Agevolare l’accesso degli animali da compagnia nelle zone di villeggiatura sarebbe anche un disincentivo al’abbandono che ogni estate trasforma cani di casa in randagi destinati a patire e a morire sulle strade.