Rivoluzione green nella cucina stellata dello chef Michelangelo Mammoliti

La rivoluzione verde arriva anche nel prestigioso La Madernassa Ristorante & Resort che la sceglie di diventare 100% green.
-
loading

Fra i trenta migliori ristoranti del pianeta e secondo in Italia nella ‘We Are Smart Green Guide’, La Madernassa sceglie il green. A guidare la prestigiosa cucina è lo chef due stelle Michelin Michelangelo Mammoliti, tra i cento chef a livello mondiale secondo ‘The Best Chef Awards’. Ora, l’impegno a tutela dell’ambiente si rafforza e la struttura di Guarene (CN), nel Roero, punta alla sostenibilità in tutti i suoi spazi. Comprese le sale interne, le camere, il giardino delle erbe aromatiche, il frutteto e la piscina.

Il ristorante, del resto, si è già distinto per la creatività nell’uso degli ingredienti di stagione e per i suoi piatti a base di frutta e verdura. Si alza ancora, dunque, l’asticella de La Madernassa che punta alla sostenibilità ambientale a 360 gradi. L’obiettivo, sottolinea Fabrizio Ventura a nome della proprietà, è “ridurre l’impatto ambientale dell’intero Resort sviluppando progetti di biodiversità, con benefici positivi per noi e per l’intera collettività.”

LEGGI ANCHE >> LA CLASSIFICA DELLE VERDURE PIÙ CONTAMINATE DAI PESTICIDI (MA CI SONO ANCHE QUELLE PIÙ PULITE)

Aggiunge Ivan Delpiano: “Stiamo completando l’ampio parco di oltre 15000 mq che circonda il Resort con la realizzazione di un’area boschiva che conterrà all’interno due laghetti, querce, carpini, gelsi, cespugli di nocciolo selvatico e tante essenze autoctone”. “La nostra idea di sostenibilità – continua Delpiano – è incentrata sull’utilizzo di energia elettrica proveniente da fonti rinnovabili”.

E il progetto green prevede anche l’utilizzo di acque locali, la riduzione della plastica e la raccolta differenziata. Insieme al contenimento di temperatura e riscaldamento attraverso l’utilizzo di serramenti a taglio termico.

LEGGI ANCHE >> SE SEI VEGANO ATTENTO AI DOLCI: ANCHE QUELLI VEGANI SONO QUASI TUTTI…

Articolo di Paola M. Farina

Foto da Ufficio Stampa C. Moioli