Stop all’uso alimentare di un pesticida: dannoso anche per i neonati

Arriva dagli Stati Uniti la notizia di un pesticida (il clorpirifos) appena bloccato perché dannoso a neonati e bambini.
- - Ultimo aggiornamento
loading

L’EPA (Agenzia statunitense per la Protezione dell’Ambiente) ha, infatti, deciso di impedire l’utilizzo del clorpirifos sulle coltivazioni. Stando a quanto emerso, il pesticida efficace contro insetti e vermi sarebbe il responsabile di intossicazioni e altri problemi di salute sui più piccoli. La notizia è stata ufficializzata dal Presidente Joe Biden in persona anche a dimostrazione di una rinnovata attenzione verso la tutela ambientale. Ma che cos’è il clorpirifos?

LEGGI ANCHE >> PESTICIDI SU FRUTTA E VERDURA: COME RIMUOVERLI

Utilizzato fin dalla metà degli Anni Sessanta, questo potente pesticida viene impiegato ampiamente nei campi su frutta e verdura. Prodotti destinati, quindi, alle tavole di tutto il mondo. Nel corso del tempo le ricerche ne hanno messo in evidenza i rischi anche per l’uomo tanto che potrebbe aumentare l’incidenza del Parkinson.

Ma è soprattutto su bambini e neonati che il clorpirifos è risultato dannoso essendo potenziale causa di deficit cognitivi. Tra i problemi legati al pesticida anche patologie legate all’apparato gastrointestinale (vomito, diarrea), alla vista e al cuore. Con la nuova decisione, il clorpirifos uscirà definitivamente dalla vendita per uno alimentare portando a termine un processo già sostenuto anche dal Presidente Obama. Potrà continuare, invece, a essere impiegato sui terreni erbosi come campi da golf e contro insetti quali scarafaggi e formiche.

LEGGI ANCHE >> COSA C’E’ NEL BICCHIERE? ATTENTO AL VINO CHE PORTI IN TAVOLA

Foto Shutterstock

Articolo di Paola M. Farina