Pfas nelle stoviglie compostabili: testate quelle delle mense scolastiche italiane

Una associazione di consumatori italiana ha fatto un test per scoprire se nelle stoviglie usate nelle mense scolastiche c'è presenza di fluoro, un indizio dell'uso di PFAS: i risultati non sono rassicuranti
- - Ultimo aggiornamento
loading

Nemmeno le stoviglie compostabili sono completamente prive di Pfas, elementi chimici che sono riconosciuti come potenziali cancerogeni e interferenti endocrini: questo è emerso dai test di un’associazione dei consumatori francese.

LEGGI ANCHE: — PESTICIDI SU FRUTTA E VERDURA: ECCO LE PIU’ CONTAMINATE

L’associazione italiana Il Salvagente ha invece analizzato le stoviglie compostabili più comunemente usate nelle mense scolastiche italiane. Sono stati analizzati 7 piatti, 2 bicchieri, 2 coperchi/coperture dei lunch box per scoprire se contenessero fluoro, un possibile indicatore di Pfas: dall’analisi tutti i piatti contenevano fluoro, uno dei due bicchieri no ed è risultato “pulito” anche uno dei coperchi dei box. Esistono quindi stoviglie compostabili sicure.

LEGGI ANCHE: — TRA VENT’ANNI LA SPECIE UMANA POTREBBE ESSERE IN PERICOLO

In ogni caso va ricordato che il fluoro è solo un indizio della presenza di Pfas e che in alcuni paesi europei come la Danimarca, gli Pfas sono stati ufficialmente banditi.

fonti: QueChoisir (https://www.quechoisir.org/)

Il Salvagente (https://ilsalvagente.it/2021/05/27/122916/)