Giornata della natura selvatica, l’Onu lancia l’allarme: tutelare la biodiversità

"Sostenere tutta la vita sulla Terra". Iil rischio, sottolinea l'organizzazione, è l'estinzione. In programma per oggi tantissimi eventi in tutto il mondo
- - Ultimo aggiornamento
Giornata della natura selvatica, l’Onu lancia l’allarme: tutelare la biodiversità

Proprio durante la Giornata della natura selvatica (World Wildlife day), istituita 7 anni fa, l’Onu lancia un messaggio importante: “Sostenere tutta la vita sulla Terra”. Il rischio, sottolinea l’organizzazione, è l’estinzione.

L’obiettivo delle Nazioni Unite e della Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione è tutelare la biodiversità in tutto il Globo. In programma per oggi tantissimi eventi, per sensibilizzare i cittadini sul tema. In Italia, ci si incontrerà al Parco natura viva di Bussolengo (Verona) e al Bioparco di Sicilia a Carini (Palermo).

Leggi anche: Koala a rischio estinzione: dall’Australia arriva l’appello del Wwf

Il prossimo ottobre è prevista anche una conferenza mondiale in Cina. Proprio per l’evento la Commissione europea sta elaborando un piano che dovrebbe essere pronto entro marzo.

Giornata della natura selvatica: “Sembra che l’umanità abbia dimenticato quanto abbiamo bisogno della natura per la nostra sopravvivenza”

Salvaguardare flora e fauna è fondamentale per l’equilibrio naturale. La biodiversità è uno strumento necessario alla sopravvivenza delle persone, soprattutto quelle che vivono a stretto contatto con la natura. Perdere piante e animali incide fortemente sull’economia: circa 145mila miliardi di dollari all’anno.

Soldi che si perdono tra la depurazione delle acque, l’impollinazione delle colture e il sequestro del carbonio, come ha recentemente ribadito Sir Robert Watson, uno dei maggiori esperti internazionali sull’ambiente. Il Segretariato della Cites reputa fondamentale utilizzare le risorse naturali rispettando la sostenibilità per raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

Nella fattispecie: Obiettivo 1 (Nessuna povertà); Obiettivo 12 (Garantire modelli di consumo e produzione sostenibili); Obiettivo 14 (Vita sotto l’acqua) e Obiettivo 15 (Vita sulla terra).

“Sembra che l’umanità abbia dimenticato quanto abbiamo bisogno della natura per la nostra sopravvivenza e il nostro benessere. Man mano che la nostra popolazione e le nostre esigenze continuano a crescere, continuiamo a sfruttare le risorse naturali – comprese le piante e gli animali selvatici e i loro habitat – in modo insostenibile” – ha dichiarato Antonio Guterres, segretario generale dell’Onu.

rischio orsi polari
Facebook Comments