Geosintesi presenta il primo treno diserbante intelligente

Un nuovo treno tecnologico capace di moderare l’impatto del diserbante glifosate lungo linea di Rete Ferroviaria Italiana e Ferrovie Nord di Milano, grazie ad un […]
- - Ultimo aggiornamento
Geosintesi presenta il primo treno diserbante intelligente

Un nuovo treno tecnologico capace di moderare l’impatto del diserbante glifosate lungo linea di Rete Ferroviaria Italiana e Ferrovie Nord di Milano, grazie ad un nuovo sistema di riconoscimento delle specie infestanti presenti e un miglior dosaggio delle miscele di diserbo. Questo è Dic-80 presentato a Milano in occasione di Expo Ferroviaria da Geosintesi Spa, azienda leader per l’ingegneria ambientale e la manutenzione delle infrastrutture.  

Il treno diserbatore tecnologico Dic-80 è in grado di lavorare sia a regime di circolazione sia di interruzione. Coniuga un locomotore per la manutenzione con un nuovo sistema predittivo di efficientamento sul controllo vegetativo che attraverso una piattaforma brevettata denominata Raillandscape è in grado di automatizzare l’acquisizione e l’analisi dei dati per una ottimizzazione della manutenzione delle attività in ambito ferroviario. Un treno intelligente perché la sua tecnologia permette di ridurre l’utilizzo dei diserbanti lungo la linea ferroviaria grazie a un sistema di riconoscimento della vegetazione, un dosaggio puntuale e mirato di diserbo. Tutto ciò permette di rispettare i principi di sicurezza stabiliti dall’unione Europea. Entro il 2022 verrà, infatti, deciso il destino dell’erbicida glifosate che nel 2017 ottenne il via libera per il suo utilizzo nei successivi 5 anni.  

Geosintesi, con la collaborazione di Bayer, ha deciso di anticipare i tempi e dare già il via a una riduzione dell’utilizzo di glifosate. “Abbiamo deciso di investire in una tecnologia che ci permettesse di riconoscere la vegetazione e fare un censimento intorno all’infrastruttura per ottenere un utilizzo intelligente delle miscele di diserbante e raggiungere un risultato meno impattante per l’ambiente – spiega Diego Righini, General Manager Geosintesi spa – Si tratta di una scelta importante per la nostra azienda che qualche anno fa portò questa problematica anche all’interno del Parlamento Europeo. La nostra speranza è che grazie a questa innovazione e agli investimenti fatti si possa assolvere al compito di mantenere la infrastruttura ferroviaria sicura per quanto riguarda il controllo della vegetazione”.  

In settimana si aprirà un tavolo con il ministero della Transizione ecologica e successivamente con i ministeri delle Politiche agricole e il ministero delle Infrastrutture e mobilità sostenibili per aggiornare i Criteri Ambientali Minimi, aggiungendo le nuove tecnologie consolidate che rendono più sostenibili i diserbanti lungo le linee di Rete Ferroviaria Italiana Ferrovie dello Stato Italiane. 

Il progetto Dic-80 nasce da lontano e conferma la volontà di Geosintesi di avere sempre uno sguardo verso il futuro: “Geosintesi ha sempre avuto una visione di lunghissimo periodo – dichiara Andrea Zanotti, Amministratore Delegato Geosintesi Spa – Per investire occorre fare delle scelte importanti e radicali. Noi abbiamo sempre dato estrema importanza agli investimenti di ricerca e sviluppo. Questo ci ha permesso di poter essere sempre un passo avanti agli altri, nei risultati della gestione del nostro settore manutentivo e nei numeri grazie allo sviluppo di un’efficienza che ci garantisce flessibilità e agilità nella gestione aziendale”.