Startup italiane: secondo un report solo la metà dei siti web funziona

Secondo il Report Startup SEO 2017, realizzato da Instilla, la metà dei siti web delle startup italiane non funziona. Alcune imprese addirittura non hanno un sito. Paradossale? Eppure è così
- - Ultimo aggiornamento
Startup italiane: secondo un report solo la metà dei siti web funziona

Startup italiane senza siti funzionanti, a volte addirittura senza sito web. Vi sembra paradossale? Eppure è proprio così. Lo confermano i dati raccolti nel Report Startup SEO 2017, realizzato da Instilla, con la collaborazione di Nuvolab, SpazioDati, Semrush ed Emil Abirascid.

Non è la prima volta che vengono evidenziate mancanze strutturali nell’ambito ‘online’ delle startup italiane: sempre Instilla pubblicò nel 2016 (sui dati relativi all’anno precedente), un rapporto non di certo positivo.

Startup italiane innovative: sì, ma solo il 49,7% dei siti web funzionerebbe

Secondo il Report di Instilla sulla qualità dei siti web delle startup italiane, il quadro non è affatto positivo: su un totale di 7.568 imprese iscritte nel registro delle startup innovative a luglio 2017, solo 3.760 (il 49,7%) hanno un sito che funziona (dati relativi a settembre 2017).

L’aspetto, se vogliamo paradossale, è che più di un quarto delle imprese ha dichiarato di non possedere un sito. Tuttavia, anche chi ne ha uno, dichiara che le cose non vanno molto meglio: nel 20% dei casi il portale web non funziona.

Leggi anche “Lazio Innova lancia “Startup Lab Sector Open Validation Domotica”: ancora pochi giorni per inviare la candidatura”

I dati sono relativi anche alle startup italiane che sono supportate da investitori, incubatori, acceleratori etc. È significativo notare che ci sono startup che fanno parte di entrambi i gruppi: iscritte, cioè, al registro di Stato e supportate da facilitatori. Oppure startup che fanno parte di uno solo dei due gruppi: iscritte al registro ma non facilitate, e facilitate ma non iscritte al registro.

Parliamo ora dei siti web delle startup italiane che funzionano. Abbiamo detto che si tratta del 49,7%. Tuttavia, molte di queste pagine web funzionanti non hanno una buona attività di SEO (Search Engine Optimization) che garantisca loro un miglior risultato nei motori di ricerca: meta description, headings e sitemap… Sono meno di 100 quelle con un buon SEO.

Meglio sul fronte smartphone, il Molise è la regione più virtuosa

Quasi il 90% dei siti web funzionanti è anche ottimizzato per la visualizzazione da smartphone. Questo è un dato positivo, anche se sono poco più del 30% i siti con un’adeguata velocità di caricamento pagine dal mobile.

Secondo il Report Startup SEO 2017, fra acceleratori e incubatori, quelli che ospitano più startup con siti web di qualità sono 42 Accelerator di Torino (che però di recente ha chiuso); eBOOX e RedSeed Ventures di Milano (66,7%), Industrio Ventures di Rovereto (62,5%).

Sul podio delle startup italiane troviamo il Molise (il 30,8% ha un sito ottimizzato, era il 10% nella precedente rilevazione), il Trentino-Alto Adige (18,7%) e l’Emilia Romagna (17,1%).

Incubatori di start up innovative