I Bronzi di Riace sono le meta-celebrity della Festa del Cinema di Roma

I Bronzi di Riace arrivano alla Festa del Cinema di Roma come meta-celebrity. Ecco gli eventi che ruotano intorno a queste due icone
- - Ultimo aggiornamento
loading

Il 2022 è da ricordare come anno in cui cade il 50° anniversario del ritrovamento dei Bronzi di Riace. Per l’occasione i due scultorei guerrieri del V sec a.C diventano meta-celebrity della diciassettesima Festa del Cinema di Roma. Il tutto grazie a una serie di eventi artistici iper-tecnologici, sintesi phygital di echi classici della Magna Grecia e presenze illustri della Calabria contemporanea.

LEGGI ANCHE : >> Bronzi di Riace, gli eventi per il 50° del ritrovamento

Dove e quando

Appuntamento dal 14 al 22 ottobre con tanti eventi (dalla musica all’arte ma anche danza e food) che si alterneranno nel Cube Stage. Si tratta di un luminoso palco cubico interattivo che richiamerà i bronzi e la Magna Grecia circondato da schermi cinematografici semitrasparenti con audio e video mapping 3D. Un luogo dove virtuale e reale s’incontrano per creare show immersivi che aumentano la realtà delle performance live di artisti calabresi contemporanei tra i più apprezzati e innovativi.

I Bronzi di Riace si fanno protagonisti della Festa del Cinema di Roma con il virtual-documentary proiettato all’interno del Cube Stage, di fianco alla Casa del Cinema. Assieme ai due eroi di bronzo, tante sono le personalità calabresi attese. Tra queste Aiello, Nicola Gratteri, Elisabetta Gregoraci. E ancora Naip, il pluripremiato chef Nino Rossi, l’artigiano della pizza Daniele Campana.

Al Cube Stage si parlerà anche di mafia

A 30 anni dalle stragi che uccisero i giudici Falcone e Borsellino, il 21 ottobre al Cube Stage si riflette sul tema delle mafie con il procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri. Il magistrato calabrese in dialogo con la giornalista Eva Giovannini (Rainews24) interviene con il suo libro ‘Complici e Colpevoli’ (Mondadori).

Le parole del Vice Presidente di Regione Calabria

“La presenza della Calabria in un contenitore di prestigio come la Festa del Cinema di Roma” dichiara Giusi Princi, Vice Presidente della Regione Calabria “segna il via della stagione dei grandi eventi nazionali ed internazionali che ripercorrendo il cinquantenario dal ritrovamento dei Bronzi di Riace raccontano una Calabria contemporanea e innovativa, in grado di raggiungere i giovani. Attraverso il Cube Stage e le sue suggestioni artistiche, infatti, raccontiamo un territorio che ritrova – attraverso i Bronzi di Riace – una Magna Grecia contemporanea e al tempo stesso simbolo delle radici storiche e culturali che caratterizzano l’area metropolitana di Reggio Calabria e l’intera regione”.

La Calabria nel mondo con i Bronzi

In tal modo da ottobre a dicembre 2022 e ancora per tutto il 2023, la Calabria “viaggerà” in Italia e nel mondo. Lo farà raccontandosi attraverso interventi artistici dal linguaggio contemporaneo che ne presenteranno la bellezza e la ricchezza nelle grandi città. Marco Del Bene, Ceo HF4 dichiara: “È una ripartenza incredibile per questa regione meravigliosa. Tutto il piano strategico vede il digitale, l’arte, la bellezza e la cultura della Calabria unirsi intorno a queste due icone mediatiche, due personaggi, due eroi estremamente contemporanei, i Bronzi di Riace, che questo anniversario ci ha consentito di riscoprire. HF4 è l’agenzia strategica che ha disegnato l’intero piano di promozione che si è iniziato a sviluppare da quest’estate – dall’anniversario del 16 agosto […]. Questo esempio dei Bronzi, del Cubo, è un modo per raccontare la Calabria al di fuori del territorio calabrese. I Bronzi sono delle icone italiane che risiedono a Reggio Calabria e grazie a strumenti digitali e immersivi come Cube Stage possono girare per il mondo, partendo dalla Reggio Calabria, oggi Roma e domani l’Europa”.

L’apporto dell’agenzia HF4

È l’agenzia HF4, Have Fun For, a firmare Bronzi50 1972-2022. Una strategia di comunicazione integrata che vede protagonista il territorio su scala nazionale e internazionale. Audiovisivo, ma anche visual, street art, fumetto e ancora digital e spazi immersivi. Quello disegnato da HF4 per la Regione Calabria è un piano strategico, contemporaneo e innovativo. I contenuti sono valorizzati della tecnologia attraverso una serie di interventi vòlti a rilanciare la Calabria e le sue ricchezze. Attraverso una nuova narrazione creativa, sostenibile e digitale.

Bronzi50, il Cube Stage e la piattaforma web

Tra le innovazioni proposte da HF4 c’è il Cube Stage, destinato a diventare un vettore simbolo della Regione Calabria e dei Bronzi di Riace a livello internazionale. Si tratta di un progetto di audiovisivo distribuito da piattaforme internazionali, spazi immersivi digitali, street art, esperienze nel mondo della nona arte, dedicate ai ragazzi. Il tutto accompagnato da un sound design ispirato alla sequenza di Fibonacci che collega i diversi moduli audiovisivi in un racconto intriso di mistero. Landing page della narrazione è un sistema digitale in cui social e web si uniscono in continuità, offrendo diversi livelli di approfondimento declinati a seconda del target.

Bronzi50.it è la piattaforma web dedicata ai Bronzi di Riace. Il sito propone l’intero programma di eventi e iniziative che riguardano le celebrazioni. E offre approfondimenti sui temi del ritrovamento delle opere d’arte, la loro storia, il viaggio fino a Riace e il mistero che le circonda.

Bronzi50, la strategia di HF4

“Essere scelti dalla Regione Calabria per raccontare i Bronzi di Riace e la Magna Grecia vuol dire essere investiti di una grande responsabilità. Parliamo di un simbolo di bellezza e cultura unico. L’intera strategia si basa su una progettazione contemporanea fatta di strumenti e contenuti che ci auguriamo possano portare la Calabria nel mondo. Così da essere riscoperta sotto questa luce meravigliosa accesa da due testimonial di eccezione, i Bronzi di Riace”. Così afferma Marco Del Bene. “Il piano strategico oltre ad integrare audiovisivo, digitale e spazi immersivi raccoglie contenuti e tecnologia in un mix di attività che mettono a sistema creatività e performance in un funnel marketing emozionale tipico dei nostri progetti dedicati al mondo delle cultura”.

Foto: Luca Perazzolo via HF4